La calciatrice troppo forte per essere una donna

Video
Lei si chiama Genoveva Anonma, è originaria di Malabo, capitale della Guinea Equatoriale, ed è una delle calciatrici più forti dell’Africa: proprio così, Genoveva ama il […]
-
loading

Lei si chiama Genoveva Anonma, è originaria di Malabo, capitale della Guinea Equatoriale, ed è una delle calciatrici più forti dell’Africa: proprio così, Genoveva ama il calcio fin da piccolissima, e questo iniziò fin da subito a crearle dei problemi.
GUARDA LE FOTO DI GENOVEVA 

Come lei stessa racconta in un’intervista alla BBC, la madre non voleva che lei da piccola giocasse a calcio con i maschi (era già più brava di molti di loro) e finì per cacciarla di casa: Genoveva si trasferì poi in Germania, dove tutt’ora vive e milita nella squadra del Postdam.

 

Ma la Anomna non potrà mai dimenticare la finale della Coppa d’Africa femminile del 2008. La sua Guinea Equatoriale affrontava il Sud Africa e proprio un gol di Genoveva regalò il titolo alla Guinea. Negli spogliatoi però successe l’impensabile: Genoveva venne accusata di essere un uomo e costretta a spogliarsi davanti ai dirigenti della Caf (la Confederazione calcistica africana) per dimostrare di essere donna.

A quanto pare, alle sue colleghe del Sud Africa la Genoveva sembrava troppo forte per essere una donna. Lei ricorda quel momento come uno dei peggiori della sua vita: "Mi è stato chiesto di togliermi i vestiti di fronte ai dirigenti. Cominciai a piangere perché mi sentivo totalmente umiliata"

Quello schiaffo al suo amor proprio e alla sua femminilità Genoveva non lo dimentica, tant’è che non è voluta più tornare in Guinea, dove comunque è un’eroina: "Molte sono solo invidiose di me perché sono forte. E’ dura dover dimostrare sempre cosa sei"

Guarda la photogallery
La calciatrice troppo forte per essere una donna
La calciatrice troppo forte per essere una donna
La calciatrice troppo forte per essere una donna
La calciatrice troppo forte per essere una donna
+3