L’ultimo saluto a Umberto Eco: tra tanti VIP non è passata inosservata Elisabetta Sgarbi

Foto
In centinaia fra ammiratori e volti noti hanno dato l'ultimo saluto a Umberto Eco. Ai funerali dello scrittore al Castello Sforzesco di Milano sono arrivati […]
-
loading

In centinaia fra ammiratori e volti noti hanno dato l'ultimo saluto a Umberto Eco.

Ai funerali dello scrittore al Castello Sforzesco di Milano sono arrivati in molti da ogni parte d'Italia. “Che Dio ti benedica, perché Dio sopporta i credenti, ma predilige decisamente gli atei” ha detto l'artista Moni Ovadia, amico dell'autore de Il nome della rosa.

LE PAROLE DI PISAPIA

Presente alla cerimonia anche Roberto Benigni, accompagnato dalla moglie Nicoletta Braschi: 'Peccato che non ci sia più perché di persone come lui ce n’è più bisogno sulla terra', ha detto l'attore.

Tra le tante parole commosse sono arrivate anche quelle del nipote Emanuele che ha ricordato Umberto Eco nelle vesti di nonno: “Volevo fare una lista di tutte le cose che abbiamo fatto insieme in questi 15 anni, visto che le liste ti piacevano tanto, ma sarebbe stata molto lunga. Tante volte mi era stato chiesto cosa si provasse ad avere un nonno così: averti come nonno mi ha riempito d’orgoglio".

Più dettagliato l'intervento di Elisabetta Sgarbi: “Ci teneva a dire che la Nave di teseo fosse una casa editrice fondata da lui, ma non su di lui. Voleva essere solo un autore, ma sapevamo che era molto più di un autore. Avrei voluto ascoltare i suoi feroci rimproveri. Eco amava la Bompiani, e per rimanere fedele alla Bompiani, a se stesso e a Mario Andreose aveva fondato la Nave di Teseo. Aveva una speranza: ricongiungersi alla Bompiani. Lo ha fatto perché si deve, come atto di libertà, per regalare un futuro. Perché questo in fondo vuol dire fondare una casa editrice" ha detto la sorella di Vittorio Sgarbi.

Il suo look colorato e le parole per promuovere il libro però non sono passate inosservate dagli utenti dei social che l'hanno attaccata per questo.

“Quindi è mancato poco che Elisabetta Sgarbi non mettesse una bancarella con il libro di Umberto Eco da vendere al suo funerale” e “Sgraziata operazione commerciale di Elisabetta Sgarbi, parrebbe. Promozione libro e edizioni La nave di Teseo al funerale di Eco. Mah.” hanno scritto alcuni lettori sui social dimostrando di non aver apprezzato il comportamento della Sgarbi.

 

Guarda la photogallery
L’ultimo saluto a Umberto Eco: polemica per le parole di Elisabetta Sgarbi
L’ultimo saluto a Umberto Eco: polemica per le parole di Elisabetta Sgarbi
L’ultimo saluto a Umberto Eco: polemica per le parole di Elisabetta Sgarbi
L’ultimo saluto a Umberto Eco: polemica per le parole di Elisabetta Sgarbi
+1