Ecco com’è oggi il bambino della Kinder, ritrovato grazie ai social

Foto
Non stiamo parlando del bambino della Kinder per eccellenza, Günter Euringer – che per ben 32 anni è apparso sulla confezione delle barrette di cioccolato […]
- - Ultimo aggiornamento
loading

Non stiamo parlando del bambino della Kinder per eccellenza, Günter Euringer – che per ben 32 anni è apparso sulla confezione delle barrette di cioccolato fino al 2005 – ma del suo sostituto, che ha svecchiato l’immagine del ragazzino simbolo di un’epoca.

Si tratta di Josh Bateson, il secondo bambino della Kinder – per molti quasi un usurpatore del posto che per 3 decenni ha occupato Euringer – che all’epoca aveva soltanto 9 anni. Ora che ne ha 20, dobbiamo ammettere che è parecchio cambiato, ma lo sguardo, a parte le sopracciglia rifatte, è lo stesso.

Il fatto interessante legato alla storia del ritrovamento del bambino della Kinder è che una ragazza ha visto su Tinder, un sito per appuntamenti, la foto profilo di Josh in cui mostrava in primo piano la famosa scatola di cioccolato e – al settimo cielo per la scoperta – ha postato l’immagine su Twitter ottenendo migliaia di condivisioni.

Dunque Josh Bateson sta vivendo una nuova ondata di popolarità grazie alla forza dei social e non si nasconde più su Instagram, dove – anzi – si mostra compiaciuto di sé e del suo aspetto in diversi selfie o condivide con i suoi 98mila seguaci i momenti più belli dei suoi 20 anni.

Josh Bateson attualmente studia relazioni internazionali alla Loughborough University ed è un promoter, ma per i ragazzini di oggi resterà sempre il bambino della Kinder, come per i 30enni di adesso lo è Günter Euringer, che per inciso è diventato un cameraman con uno studio a Monaco di Baviera, una famiglia che adora e una biografia di successo.

Guarda la photogallery
Ecco com’è oggi il bambino della Kinder, ritrovato grazie ai social
Ecco com’è oggi il bambino della Kinder, ritrovato grazie ai social
Ecco com’è oggi il bambino della Kinder, ritrovato grazie ai social
Ecco com’è oggi il bambino della Kinder, ritrovato grazie ai social
+1