Bar, enoteche, ristoranti: le proposte per ripartire di Italian Hospitality Network

Il manifesto di bar, enoteche, ristoranti e tutto il settore della somministrazione: a Ore15 vi presentiamo Italian Hospitality Network
- - Ultimo aggiornamento
loading

Nasce a Roma #ItalianHospitalityNetwork: oltre 200 bar, enoteche, ristoranti e mescite certificate presentano il manifesto per il rilancio di uno dei settori cruciali e tradizionali, legato alla qualità italiana della somministrazione.

Per Funweek ore 15.00 ne parliamo con Leonardo Leuci.

Nasce Italian Hospitality Network per dare voce a tutto il settore

Un buon vino, una degustazione, una buona birra artigianale. Le eccellenze italiane. Questo patrimonio di esperienze, tramandate di generazione in generazione, ha reso il nostro paese il punto di riferimento mondiale. Una storia di gusti e sapori definiti, riconoscibili. Negli anni, lo studio, la ricerca, l’attenzione per i dettagli e l’applicazione di tecniche nuove hanno rappresentato occasioni nuove di sviluppo, non solo economico, rendendo il settore tra le eccellenze del made in Italy, consolidando le tradizioni più antiche e aprendo strade nuove.

Le eccellenze che da oggi si uniscono in Italian Hospitality Network, presentano il manifesto progettuale contenente proposte e idee concrete destinate al rilancio del settore. Si tratta di realtà unite dallo stesso spirito di attenzione alla qualità, rispetto della filiera e sostenibilità ambientale, che rivendicano il ruolo fondamentale del comparto ospitalità nel tessuto sociale e culturale cittadino proponendo immediate strategie di ripartenza economiche sostenibili.

Italian Hospitality Network, al quale hanno già aderito oltre 200 realtà, rappresenta tutte le attività con licenza di somministrazione che hanno fatto della ricerca e della qualità la propria ragione d’essere, condividendo gli orari serali e notturni come momenti di maggiore attività.

Tutte le proposte sono inserite all’interno di un manifesto progettuale e in poche ore su facebook sono arrivate oltre 300 sottoscrizioni e adesioni.

LEGGI ANCHE >>> Ristrutturazioni e mercato immobiliare ai tempi del coronavirus