Urban Strangers dopo X Factor: ‘È cambiata la popolarità, ma non ciò che facciamo’

Foto
È passato poco più di un mese dal giorno della finale della nona edizione di X Factor: il pubblico ha scelto Giò Sada, ma se […]
-
loading

È passato poco più di un mese dal giorno della finale della nona edizione di X Factor: il pubblico ha scelto Giò Sada, ma se dovessimo eleggere un vincitore morale non potremmo non indicare gli Urban Strangers, favoriti sin dall’inizio della competizione.

Gli Urban – i due amici Genn e Alex – si sono classificati secondi senza rimpianti, ma il vero banco di prova si è palesato dopo la competizione, quando la loro musica ha dovuto affrontare il mercato discografico e i gusti del pubblico, uscendone a dire il vero da grande vincitrice. I dati parlano chiaro: due certificazioni oro, una per il singolo Runaway e una per l’omonimo EP di debutto, che contiene 10 tracce tra cover presentate a X Factor, nuovo singolo e canzoni presenti già nel vecchio EP (Urban Strangers per Casa Lavica Records).

“Non ci aspettavamo questa risposta dal pubblico. – commenta Genn – Siamo stra-mega felici del fatto che il nostro fan club sia così attivo. Li ringraziamo per il supporto, non solo per l’acquisto dell’album, ma perché anche sui social sono molto partecipativi. Si vede che in qualche modo sono legati a noi”.

Dopo X Factor per i due ragazzi campani è infatti iniziata una nuova avventura, anche se ci tengono a sottolineare di non essere cambiati, anzi di essersi subito chiusi in studio per lavorare al prossimo album: “Abbiamo dovuto subito affrontare tutta la situazione che c’era all’esterno di quel loft. – mi racconta Alex – Ci siamo dovuti abituare all’idea che non eravamo più sconosciuti come prima. È l’unica cosa che è cambiata però, perché siamo subito tornati in studio, per lavorare anche al live. È cambiata la popolarità, ma non ciò che facciamo”. “Sì, sui social ad esempio pubblichiamo sempre le stesse cretinate” scherza Genn, che a proposito del nuovo lavoro (iniziato in realtà prima dell’esperienza a X Factor) ci anticipa: “Stiamo sperimentando un po’ sul sound elettronico. Ovviamente saremo coerenti con ciò che abbiamo fatto, ma il sound sarà più elettronico, questo sì. Se ci preoccupa il mercato discografico? No, perché siamo disinteressati al mercato, ci stiamo concentrando più su un ricerca artistica e la nostra preoccupazione è solo quella di mantenere alto il livello di ciò che facciamo”.

Vi lasciamo alla videointervista per scoprire cosa ci hanno poi raccontato gli Urban Stranger sul Baell Tour e su cosa stanno preparando per l'attesissimo live. Intanto il duo continua ad essere impegnato nell'instore tour. Ecco le prossime date.

Urban Strangers, le date dell'instore tour

Sabato 23 Gennaio h. 17.00 – Centro Commerciale IL GLOBO (Via Italia, 197- Busnago MB)

Domenica 7 Febbraio h. 17.00 – Centro Commerciale COLLESTRADA (Via Valtiera, 181 – Perugia)

Venerdì 12 Febbraio h. 17.00 – Centro Commerciale GRANSASSO (Località Piano D'Accio – Teramo)

Sabato 13 Febbraio h. 17.00 – Centro Commerciale BARIBLU (Contrada Giannavello, Località Cutizza – Triggiano Bari)

Mercoledì 17 Febbraio h. 17.30 – Centro Commerciale ROMA EST (Via Collatina, Roma)

Giovedì 18 Febbraio h. 17.30 – Centro Commerciale I GIGLI (Via San Quirico, 165 – Campi Bisenzio/Firenze)

Venerdì 19 Febbraio h. 17.30 – Centro Commerciale CENTRO D’ABRUZZO (Via Pò – San Giovanni Teatino/Chieti)

Sabato 20 Febbraio h. 17.00 – Centro Commerciale CITTA’ delle STELLE (Via dei Mutilati del Lavoro – Ascoli Piceno)

Sabato 27 Febbraio h. 17.00 – Centro Commerciale CONCA D’ORO (Via Lanza di Scalea, 1963 – PALERMO)

Domenica 28 Febbraio h. 17.00 – Centro Commerciale CONE’ (Via San Giuseppe, 25 – CONEGLIANO/TV)

Guarda la photogallery
Urban Strangers dopo X Factor: ‘È cambiata la popolarità, ma non ciò che facciamo’
Urban Strangers dopo X Factor: ‘È cambiata la popolarità, ma non ciò che facciamo’
Urban Strangers dopo X Factor: ‘È cambiata la popolarità, ma non ciò che facciamo’
Urban Strangers dopo X Factor: ‘È cambiata la popolarità, ma non ciò che facciamo’