Tess Masazza ‘approda’ su Radio Deejay: ‘Non voglio precludermi nulla’

Foto
Tess Masazza 'approda' su Radio Deejay: 'Non voglio precludermi nulla'. A Riccione, in diretta dall’Aquafan per l’estate speciale di Radio Deejay, ci sarà anche lei, […]
-

Tess Masazza 'approda' su Radio Deejay: 'Non voglio precludermi nulla'.

A Riccione, in diretta dall’Aquafan per l’estate speciale di Radio Deejay, ci sarà anche lei, Tess Masazza, la giovanissima ‘YouTuber’ che quest’anno abbiamo visto anche ad X Factor, protagonista dell’Xtra Factor con la sua creatività e la sua travolgente ironia. Tess, che è nata in Francia ma vive in Italia da ormai 8 anni, condurrà dall’1 al 27 agosto insieme a Rudy Zerbi il programma Zerbinator (dal lunedì al sabato), ma – quando abbiamo avuto modo di parlare con lei in quel di Riccione qualche giorno fa – ci ha confessato di non sapere ancora nulla di preciso e di essere solo molto felice al pensiero di poter fare questa esperienza. Ci siamo quindi fatti raccontare la sua storia e i suoi progetti per il futuro.

Ciao Tess, ormai sei italianissima. Ci parli un po’ di te? Ormai sei conosciuta, ma quando è iniziata veramente questa tua avventura?
Sono arrivata in Italia qualche anno fa per studiare moda, non sapevo bene in realtà cosa volevo fare nella moda, ero molto interessata al mondo dello styling e della fotografia. Per un po’ di tempo ho fatto infatti l’assistente di un fotografo di moda ed è stato molto divertente. Poi ho iniziato uno stage in un gruppo editoriale e mi sono interessata alla scrittura, anche se non scrivevo benissimo in italiano. Mi allenavo tantissimo la sera per imparare.

Quindi dalla moda alla scrittura, e dopo?
Ho iniziato ad interessarmi di web tv, perché facevo tanti servizi e tante interviste di moda, ma anche di arte e spettacolo. Ho fatto questo lavoro per quattro anni e poi ho deciso di voler scrivere di più e voler prendere il tesserino, per cui ho iniziato a fare la freelance.

Sei una collega quindi?
Sì! Ho lavorato in una redazione e sono riuscita ad iscrivermi all’albo. Poi, dato che avevo tante idee ed ero appassionata di web, ho pensato però di fare qualcosa di mio e di sfruttare questo potentissimo mezzo che è internet. Non volevo fare un blog di moda, anche perché ce n’erano già tanti, però mi è sempre piaciuto scrivere cose divertenti sul mondo delle donne, per cui ho iniziato proprio così, con un blog che si chiamava Melodramachic. Per lanciare il sito, ho chiesto aiuto ad alcuni amici bravi con i video e abbiamo girato il primissimo filmato, Quello che dicono le rompiscatole.

È stato il tuo primo video in assoluto?
Sì, ed era solo un modo per promuovere il blog, ma su YouTube ha avuto subito successo. Per cui mi sono detta ‘Se funziona così bene il video, mi concentro subito su questo’. Ho subito smesso con il blog e ho iniziato a buttare giù un piano editoriale, cercando materiale sull'universo femminile e con l'idea di crearmi un personaggio. Diciamo che in pochi mesi si è creato un team, sia di produzione che di management.

Sei diventata quindi a tutti gli effetti una YouTuber… E il passaggio in tv com’è stato?
Più aumentava la mia visibilità più mi si sono aperte delle porte. X Factor è stata una di queste porte. È stata un’esperienza bellissima, ma veramente tosta, soprattutto per i ritmi. Ho imparato tanto.

Com’è andata con Alessio Viola e Mara Maionchi?
Ero un po’ la loro spalla. Mara è fantastica, non potevo starle troppo vicino perché mi faceva piangere dalle risate. Comunque la mia esperienza ad Xtra Factor è andata talmente bene che mi hanno fatto condurre l’Ante Factor della finale con Alessio. Non vi dico quanta ansia avessi addosso, perché era la mia prima esperienza come conduttrice in diretta. Con l’Xtra Factor ero più tranquilla perché andava in onda dopo mezzanotte. Forse inconsciamente pensavo che tanto la gente avesse già spento la tv (ride, ndr).

Invece è andato benissimo anche l’Ante Factor, no?
Sì, anche se ne avrei di cose da raccontare anche su quell’esperienza! Avevamo l’auricolare per parlare con la regia e non si capiva niente, tra Alessio che parlava, l’autore che mi contattava nell’auricolare e Mara che faceva ciò che le pareva. È stato molto divertente però.

Il tuo sodalizio con Sky continua, perché trasmettono anche la tua web serie Insopportabilmente donna. Hai mollato un po’ YouTube da quando sono aumentati i tuoi impegni in tv?
Uso più Facebook di YouTube in realtà. Ho un canale su YouTube su cui continuo a pubblicare, ma lavoro molto di più con Facebook, perché penso che il mondo delle donne sia più attivo lì, grazie ai tag e alle condivisioni. Le amiche taggano, commentano…

E i tuoi progetti futuri?
Ho in cantiere una nuova stagione di Insopportabilmente donna, una sorta di seguito che si chiamerà Insopportabilmente coppia. Non so ancora dove andrà, sicuramente la vedrete anche sul web.

Alla fine sono cambiate tantissime cose in pochi anni per te, come stai vivendo questi cambiamenti?
Sì, il primo video è andato subito bene e c’è stata anche un po’ di polemica per il fatto che io prendessi in giro gli italiani, essendo francese. Non era assolutamente quella la mia intenzione, ma devo dire che la polemica ha fatto sì che si parlasse dei miei video. Da allora il tempo è volato…

E ora inizi un’esperienza in radio. Ti piace spaziare in settori così differenti o c’è un settore che preferisci?
È difficile rispondere, perché mi piacciono tantissime cose e non voglio chiudermi nessun canale.

Magari fare un po’ di tutto è proprio la strada giusta?
Penso che sia il futuro, sì. Io poi sono una persona molto ansiosa. Vivo proiettata nel futuro, forse troppo, perché poi non mi godo il presente. Quando finisco un progetto, vado in ansia perché non so che fare e se in una settimana non ricevo una chiamata vado nel panico. Sono paranoica. Invece serve solo pazienza!

E X Factor lo rifarai?
Ancora non lo so, ma devo dire che i miei rapporti con Sky sono ottimi e sono molto felice di questo.

Guarda la photogallery
Tess Masazza ‘approda’ su Radio Deejay: ‘Non voglio precludermi nulla’
Tess Masazza ‘approda’ su Radio Deejay: ‘Non voglio precludermi nulla’