Sanremo 2019, tutti i duetti della quarta serata

La quarta serata del Festival di Sanremo è quella dedicata ai duetti. Ecco con chi esibiranno i cantanti in gara, rivisitando i loro inediti.

La serata dei duetti, la quarta, è spesso la più piacevole perché i brani, come quest’anno, si leggono in una nuova luce e si arricchiscono del contributo di nuovi artisti.

Quest’anno l’effetto è stato amplificato dal grande lavoro di Claudio Baglioni, dirottatore e vero mago nel saper scattare, con tanta lucidità, una fotografia della musica italiana così convincente. 

Vediamo ora i duetti

Federica CartaShade con Cristina D’AvenaSenza Farlo Apposta

Chiudi gli occhi e sembra di vedere Lady Oscar. Cristina D’avena bellissima voce che aiuta questo pezzo molto radio e riconoscibile.

Motta e Nada: Dov’è l’Italia

A legarli la loro terra, la Toscana. La scelta di Nada è perfetta per il mood del pezzo. Questo ragazzo è un artista da 10 e lode ed il pezzo è uno dei nostri preferiti. Alla fine della serata è il pezzo che vince i duetti.

Irama, Noemi: La ragazza con il cuore di latta

Lei ha quella forza naturale che rende viscerale ogni verso. Irama una prima esperienza molto riuscita.

Negrita, Roy Paci e Enrico RuggeriI ragazzi stanno bene
il fascino di un ritornello classico, il carisma e la classe di Ruggeri fanno il resto

Arisa e Tony Hadley con i Kataklò: Mi sento bene

Uno dei duetti più astrali, Tony Hadley che canta in italiano è magnetico. La scelta perfetta ed il pezzo è divertente.

Mahmood e Guè Pequeno: Soldi

Mahmood che timbro pazzesco, un vero outsider, lui ha una canzone stupenda ed incarna un pop internazionale alla Trevis Scott. Spettacolare!

Ghemon con Diodato e Calibro 35: Rose Viola

Il pezzo è valorizzato dall’intervento dell’angelico Diodato e dal sound inconfondibile di Calipro 35. Ghemon è un grande artista.

Paola Turci e Beppe Fiorello: L’ultimo Ostacolo

Fiorello ha una voce meravigliosa e l’accoppiata è omogenea.

Simone Cristicchi e Ermal MetaAbbi cura di me
Zen Circus e Brunori Sai: L’amore è una dittatura
Un grande mix che esalta la qualità del pezzo. Brunori poi coccolassimo nel dopofestival.

Arrangiamento arricchito da un arrangiamento di fiati stile news Orleans

Anna Tatangelo e Syria: Le nostre anime di notte

Un tuffo nel passato due giovani donne con una storia così radicata nel passato della tradizione. Tenerezza vedere Syhria adulta e ricordarla come la giovane ribelle.
Loredana Bertè e Irene Grandi: Cosa ti aspetti da me

Loredana Bertè è una bomba atomica ma Irene Grandi è riuscita a dare al pezzo ancora qualcosa di più.
Ultimo e Fabrizio Moro: I tuoi particolari

Ultimo sta andando fortissimo nelle classifiche, nella performance con Moro la sensazione è che i due abbiamo una tiro troppo simile e che Moro, nella sua drammaticità, sovrasti Ultimo.

Nek e Neri Marcoré: Mi farò trovare pronto

Bello il pezzo e Neri Marcorè

Al dopofestival Nel si esibisce in Message in The Bottle dei police. La sua voce è identica a quella di Sting lo sapevamo e la performance è da Urlo, che divertente questo dopofestival. Rocco Papaleo fuori di testa come se non ci fosse un domani.


Daniele Silvestri e Manuel AgnelliArgento vivo
Sempre con Rancore il pezzo si è arricchito di una bellissima performance di Agnelli che ha reso il tutto ancora più epico

Boomdabash e Rocco Hunt: Un milione

Uno dei pezzi più di successo su Spotify e in classifica su iTunes, Grande presenza per questa band che ha puntato decisamente sulla leggerezza.

Francesco RengaBungaro ed Eleonora Abbagnato: Aspetto che torni

Il brano ha la zampata di Bungaro che nell’interpretarlo  lo nobilità.

Enrico Nigiotti e Paolo Jannacci: Nonno Hollywood
Einar, Silvestre  e Biondo: Parole nuove

La nuovissima classe dirigente! Questi sono i nuovi eroi della musica giovanile e Einar
Mahmood e Guè Pequeno: Soldi

Patty Pravo e Briga con Giovanni Caccamo: Un po’ come la vita
Caccamo si inserisce fra i due con una naturalezza disarmanti e si diventa trio.

Ex-Otago e Jack Savoretti: Solo una canzone
Un incontro tra nuovi e vecchi liguri.

Achille Lauro e Morgan: Rolls Royce

La canzone più discussa del festival. Loro sono dei personaggioni e lo confermano ad ogni performance. Morgan show con il suo tono baritonale prende il largo e guida il gruppo muovendosi tra piano e chitarra con il suo stile così ..new romantic.

Finalmente qualcuno presenta Boss Doms, è Morgan a farlo.

 

Nino D’Angelo e Livio Cori con Sottotono: Un’altra luce
Il sound di questo

Il Volo e Alessandro Quarta: Musica che resta
Il violino di quarta è così rock loro avrebbero molto da dire e sarebbe bello poterli sentire in qualcosa di diverso.

Redazione

Ogni giorno cerchiamo i trend più significati del mondo dello spettacolo, società e della cultura.

ROMA

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!