La cantautrice romana Silvia Oddi ritorna con il suo secondo lavoro intitolato “Niente a Metà”

La leggerezza, insieme ad una notevole forza di volontà, accompagna il cammino di questa interessante cantautrice romana sin dall’inizio. Mai uniformarsi al pensiero corrente ed […]
-

La leggerezza, insieme ad una notevole forza di volontà, accompagna il cammino di questa interessante cantautrice romana sin dall’inizio. Mai uniformarsi al pensiero corrente ed a tutto ciò che l’inquina (social media et similia) e, nel contempo, voglia e necessità di esprimersi senza dover scegliere sempre la strada più semplice.

Queste le coordinate umane e musicali di Silvia Oddi che giunge al secondo capitolo del suo percorso sonoro (“Niente A Meta”/Gnu Wave) dopo l’ottimo riscontro del precedente “Ingenua Felicità” del 2016. Squadra che vince non si cambia e così, ancora una volta, Silvia è accompagnata dai fidi Nick Valente e Gianluca Salvi che si occupano anche della produzione e del mixaggio, mentre i brani sono scritti in collaborazione con Lorenzo Capriotti.

Quello che ne viene fuori è un album fresco e frizzante, mai banale, capace di essere apprezzato nell’ascolto e, contemporaneamente, di spingere al ballo con la sua elevata carica ritmica. Otto brani orecchiabili (a partire dall’iniziale e coinvolgente “Mappamondo”) che guardano al miglior rock pop e conservano echi di quella felice stagione new wave, electro, anni ‘70/’80.

Un ottimo mix sonoro che trova pochi riscontri nel nostro paese, così come a livello internazionale e riesce a far tornare alla ribalta, con un approccio perfettamente contemporaneo, sonorità vintage che hanno contraddistinto un periodo musicale difficile da dimenticare.

Ulteriore passo in avanti per la cantautrice romana classe 1988 che debutta nel 2016 con l’album “Ingenua felicità” prodotto e arrangiato da Gianluca Salvi e distribuito da Gnu Wave. Undici tracce che hanno avuto un ottimo riscontro da parte della critica. Premiata al Music Day di Roma 2017 come “Prezioso talento della musica italiana”, nello stesso anno arriva a suonare a Copenaghen nella prestigiosa sede dell’ “Ice Power” e ad aprire il concerto di Francesco Baccini a Galleria Porta di Roma.

Silvia vince poi il “Contest Museum Social club” e si esibisce nei più importanti musei capitolini. Nel 2018 l’ “Ingenua felicità tour” che, partito nei club prosegue nelle piazze e si conclude al “Mei” di Faenza con il progetto “Anatomia femminile” ideato dal critico musicale Michele Monina.

Il 9 febbraio 2019 è ospite di chiusura del “Festivalino di Anatomia Femminile” di Michele Monina che si è svolto a Sanremo, di contorno al Festival, dove si esibisce dal vivo in diretta streaming, su OM Magazine, a Casa Sanremo Sala Pino Daniele e in Piazza Carlì per iCompany e Casa Siae. Contemporaneamente Silvia pubblica “Kissenefrega”, singolo che anticipa il nuovo album “Niente a Metà” uscito per Gnu Wave il 17 aprile 2019.

Tonino Merolli