Giulia Mazzoni conquista la Cina: diario del tour giorno1

Foto
Il 23 luglio è uscito in Cina “Giocando con i bottoni” l’album di esordio della giovane pianista Giulia Mazzoni: 14 combinazioni inedite per pianoforte solo che […]
-
loading

Il 23 luglio è uscito in Cina “Giocando con i bottoni” l’album di esordio della giovane pianista Giulia Mazzoni: 14 combinazioni inedite per pianoforte solo che si muovono tra tradizione classica e musica pop.

E sempre il 23 luglio, Giulia ha iniziato il tour che la porterà ad esibirsi in alcune delle principali città della Cina. La giovane artista racconterà la sua esperienza attraverso un video diario, che lei stessa registrerà tappa dopo tappa.

«La Cina. Una grande emozione e un sogno che non immaginavo di poter sfiorare nella vita – racconta Giulia Mazzoni – Sono emozionata per questo viaggio di musica e di vita, una esperienza unica che mi arricchirà profondamente come persona ed artista e che lascerà un segno profondo dentro di me." E' emozionata Giulia e non vede l'ora di esibirsi e condividere le sue emozioni cone il pubblico.

Giorno 1: Tanjin Grand Theatre

«Il concerto è andato molto bene. C’era gente di qualsiasi età e tutti sembravano rapiti dalla mia esibizione – racconta Giulia Mazzoni  – Alla fine del concerto, mi sono trovata a firmare autografi e a fare fotografie con i miei nuovi fans. In tanti mi hanno seguita fuori dal teatro perché volevano che firmassi loro i dischi appena acquistati. Ho ricevuto dal pubblico tantissimo affetto per tutta la durata dello spettacolo. Ad un certo punto è anche successo qualcosa che mi ha sorpresa e, insieme, emozionata: qualcuno dalla platea ha iniziato a battere le mani, seguito subito da tutto il resto del pubblico, ho suonato al ritmo del loro battito fin quando non siamo diventati un’unica melodia.»

Inizia con il sold out del Tajin Grand Theatre di Tajin il tour di Giulia in Cina. Le 1200 persone presenti in sala hanno accolto con grande entusiasmo la giovane pianista toscana, che ha portato sul palco i bran del suo disco d'esordio "Giocando con i bottoni".

Dopo aver conquistato il pubblico di Tianjin, Giulia Mazzoni continua il suo tour cinese (organizzato da Fataka International) con altre quattro date: domenica 26 luglio alla Xi'an Concert Hall di Xi'an, mercoledì 29 luglio a Chongqing, venerdì 31 luglio allo Shanghai Oriental Art Center di Shanghai e il 2 agosto alla Qintai Concert Hall di Wuhan.

 

Giulia Mazzoni bio

Giulia Mazzoni, giovane pianista di Prato, studia attualmente al Conservatorio “G. Verdi” di Milano. A 16 anni cura gli arrangiamenti e l’esecuzione di alcuni brani per lo spettacolo “Premio Fairplay”, che va in scena al Teatro Metastasio di Prato. Nel 2011 viene rappresentato presso il Teatro Metastasio di Prato e presso il Teatro Buratto del Pime di Milano lo spettacolo “Il viaggio: dialogo tra musica, pittura e parola”, scritto e diretto da lei stessa. Giulia compone ed esegue in scena anche le musiche, ottenendo ottime critiche. Nel 2013 riceve il Premio Ciampi per la “Migliore cover di Piero Ciampi” e si esibisce sul palco del Concerto di Natale. Nel 2014 presenta alcuni brani tratti dal suo album all’inaugurazione di Eataly Smeraldo Milano; in estate, calca il prestigioso palco del Ravello Festival e si esibisce a Faenza in occasione del MEI, il Meeting delle Etichette Indipendenti. Nel 2015 Giulia viene scelta come unica donna della compilation “Eataly Live Project” (Sony Music) con il brano “Where and when?”, suona come pianista resident per AUDI a Milano e accompagna, per la prima volta suonando le sue composizioni all’organo, l’attore Marco Baliani a Bologna. Il 4 luglio 2015 ha accompagnato al pianoforte l’attrice Chiara Buratti nello spettacolo “L’ultimo giorno di sole”, al Teatro Alfieri di Asti per la regia di Fausto Brizzi.

 

Guarda la photogallery
Giulia Mazzoni conquista la Cina: diario del tour giorno1 – 2
Giulia Mazzoni conquista la Cina: diario del tour giorno1 – 2
Giulia Mazzoni conquista la Cina: diario del tour giorno1 – 2
Giulia Mazzoni conquista la Cina: diario del tour giorno1 – 2
+3