Giovanni Gulino ci presenta MusicRaiser, la piattaforma di crowdfunding musicale italiana

Foto
Nel 2008, a Giovani Gulino – voce dei Marta sui Tubi – e a Tania Varuni venne un’idea probabilmente a quei tempi decisamente azzardata, almeno […]
-
loading

Nel 2008, a Giovani Gulino – voce dei Marta sui Tubi – e a Tania Varuni venne un’idea probabilmente a quei tempi decisamente azzardata, almeno in Italia: realizzare una piattaforma basata sul crowdfunding musicale, che permettesse al pubblico di finanziare in modo diretto i progetti degli artisti che apprezzavano, in un coinvolgimento tra le parti decisamente più profondo di quello che c’è dietro al ‘semplice’ acquisto di un cd.

LIGABUE A CAMPOVOLO PER I 25 ANNI DI CARRIERA

L’idea verrà realizzata ben quattro anni dopo, nel 2012, quando nacque MusicRaiser, ad oggi l’unica realtà italiana di crowdfunding esclusivamente musicale che – come potete immaginare – non è stata esente da critiche, visto che tende a 'modificare' il modo in cui l'utente usufruisce della musica, adattandosi (permetteteci di dirlo) alle necessità di tutti gli ascoltatori di oggi.

 

Giovani Gulino: come è nata MusicRaiser e dove vanno le case discografiche

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Giovanni Gulino nel suo ufficio milanese, chiedendogli di spiegarci più nel dettaglio come funziona e di cosa si occupa MusicRaiser e discutendo poi proprio più specificamente dell’evoluzione del rapporto tra musicista e pubblico.

“Non abbiamo inventato nulla da zero – dichiara Gulino – abbiamo preso spunto da alcune piattaforme inglesi e americane, che a quei tempi già erano partite con questa forma di finanziamento, il crowdfunding appunto, che dava l’opportunità al pubblico di decidere quali artisti dovessero andare avanti e in che modo. Ci sembrava una cosa bella e meritocratica, che in qualche modo scavalcava l’iter tradizionale, con la band o l’artista che manda la demo alle case discografiche e poi aspetta il contratto. Insomma, chimere che da musicista conosco bene e so che non è così da tempo. L’industria musicale sta cambiando radicalmente e non ha le risorse per poter investire su nuovi talenti”.

E in tutto ciò che ruolo ‘futuro’ darebbe Giovanni alle case discografiche? “Parte delle nostre campagne sono gestite anche da etichette discografiche – ci risponde Gulino – o da agenzie di management e di booking. È ovvio che, non vendendosi più tanti dischi come dieci anni fa, il modello discografico deve cambiare un po’. Secondo me il nuovo modello delle etichette discografiche, senza voler insegnare niente a nessuno, è quello che comprende la vendita dei dischi, quindi la parte discografica, ma anche quella dell’edizione, del booking, dell’immagine e dei diritti connessi. Tutto gestito da un’unica etichetta”.

 

Wishow, Diz Festival e un occhio all'estero

Giovanni ci parla poi nel dettaglio dei progetti di cui si sta occupando MusicRaiser in questo momento, a partire dalla sezione Wishow, che permette agli addetti ai lavori di organizzare senza rischi un concerto di artisti e/o band italiane e internazionali, mettendo in prevendita i ticket necessari a coprire l’investimento, parziale o totale, dell’evento, prima ancora che venga prodotto. È grazie a Wishow se dal 3 al 5 luglio alla Fabbrica del Vapore di Milano potremo assistere al DIZ FESTIVAL, 3 giorni dedicati alle migliori realtà artistiche della scena milanese, italiana e europea. Si tratta del primo festival finanziato direttamente dal pubblico.

“In Italia non esisteva un sistema che permetteva di mettere in prevendita un certo numero di biglietti fino a venderne a sufficienza per finanziare uno spettacolo. – ci spiega il cantante – Abbiamo creato noi uno strumento specifico e uno dei primi progetti che abbiamo finanziato è stato il Diz Festival. Abbiamo finanziato anche la rappresentazione teatrale dell’Eneide di Krypton, messa in scena dai fondatori dei Litfiba a Firenze”.

Eventi, ma anche artisti, sia emergenti che già noti, come i CSI, i Marlene Kuntz e Daniele Sepe: “Dipende dal tipo di progetto che si vuole realizzare. L’emergente farà un progetto piccolino, mentre i Marlene Kuntz hanno fatto un dvd documentario del proprio tour”. E infine un occhio all’estero, dove MusicRaiser si sta espandendo soprattutto perché “arrivano proposte dall’estero senza che ce le andiamo a cercare”: “Vogliamo investire sull’estero – conclude Gulino – non perché non ci basti l’Italia, ma perché è un mercato e importante e pensiamo che la nostra proposta non abbia nulla da invidiare a quella presente nelle altre nazioni”.

Guarda la photogallery
Giovanni Gulino ci presenta MusicRaiser, la piattaforma di crowdfunding musicale italiana
Giovanni Gulino ci presenta MusicRaiser, la piattaforma di crowdfunding musicale italiana
Giovanni Gulino ci presenta MusicRaiser, la piattaforma di crowdfunding musicale italiana