Sanremo, intervista a Chiara Galiazzo: ‘Aprire il Festival è stato come sposarmi’

Foto
È stata la prima ad inaugurare il palco dell’Ariston in questa 65esima edizione del Festival di Sanremo e, a giudicare dai risultati finali della prima […]
-

È stata la prima ad inaugurare il palco dell’Ariston in questa 65esima edizione del Festival di Sanremo e, a giudicare dai risultati finali della prima serata, il ‘battesimo’ è andato più che bene.

CHIARA DISTRUTTA DALLE CRITICHE

Stiamo ovviamente parlando di Chiara Galiazzo, che abbiamo intervistato il giorno successivo all’esibizione.

 

“È stata un’emozione forte aprire il Festival. – ha dichiarato Chiara ai nostri microfoni – La sto pagando oggi. È come se ieri mi fossi laureata o sposata. Non so come sia sposarsi, ma secondo me il giorno dopo ti senti così”.

Straordinario, la ciliegina sulla torta di un lungo progetto

A proposito del brano, Chiara confessa che Straordinario sicuramente è “la canzone più d’amore che io abbia mai cantato” e che rappresenta “la ciliegina sulla torta di questo percorso fatto nell’anno e mezzo appena trascorso”.

Come cover, Chiara ha invece scelto Il volto della vita di Caterina Caselli: “L’ho scelto perché Caterina Caselli mi è sempre piaciuta molto, questa canzone è moderna e poteva uscire un arrangiamento ‘gustoso’. Sarò un po’ osé… no, sto scherzando però almeno così mi guardano (ride, ndr)”.

Guarda la photogallery
Sanremo, intervista a Chiara Galiazzo: ‘Aprire il Festival è stato come sposarmi’
Sanremo, intervista a Chiara Galiazzo: ‘Aprire il Festival è stato come sposarmi’
Sanremo, intervista a Chiara Galiazzo: ‘Aprire il Festival è stato come sposarmi’
Sanremo, intervista a Chiara Galiazzo: ‘Aprire il Festival è stato come sposarmi’
+1