Sanremo, intervista a Giovanni Caccamo: ‘Bisogna crearsi delle situazioni folli’

Foto
Sta finalmente per arrivare il momento delle Nuove Proposte sul palco dell’Ariston e, tra loro, c’è anche Giovanni Caccamo, che porta al Festival il brano […]
-

Sta finalmente per arrivare il momento delle Nuove Proposte sul palco dell’Ariston e, tra loro, c’è anche Giovanni Caccamo, che porta al Festival il brano Ritornerò da te.

SANREMO, LE PAGELLE DELLA PRIMA SERATA

24 anni, di Modica (nel Ragusano), Giovanni è riuscito ad arrivare alla kermesse grazie soprattutto ad una buona dose di coraggio. È ormai noto infatti l’aneddoto che lo vede protagonista insieme a Franco Battiato: pare che Caccamo abbia incontrato il celebre cantautore sulla spiaggia di Donnalucata e gli abbia dato un cd. Da lì non tutto è stato semplice, ma di sicuro c’è stata una svolta.

 

Caccamo, ‘stalking’ e situazioni folli

“Oggi oltre al talento serve originalità nel modo di porsi. – confessa Giovanni ai nostri microfoni – Bisogna crearsi delle situazioni un po’ folli, perché è difficile riuscire a trovare persone che siano disposte ad ascoltarti”. Giovanni ci descrive poi le emozioni di provare con l’orchestra dell’Ariston: “Chiunque dica che quel palco è un palco come gli altri, mente spudoratamente. – commenta – Ha una magia tutta sua ed è difficile descrivere la carica dell’orchestra”.

Ritornerò da te, un brano su come ritrovarsi

Giovanni (che è anche co-autore del brano di Malika Ayane) ci racconta infine il suo Ritornerò da te: “Parla dell’unico modo che abbiamo per sconfiggere l’alienazione di cui siamo succubi. Corriamo a destra e a sinistra, non sappiamo bene dove. Secondo me, dobbiamo tornare ad avere un rapporto con noi stessi, prima di aprirci agli altri”.

Guarda la photogallery
Sanremo, intervista a Giovanni Caccamo: ‘Bisogna crearsi delle situazioni folli’
Sanremo, intervista a Giovanni Caccamo: ‘Bisogna crearsi delle situazioni folli’
Sanremo, intervista a Giovanni Caccamo: ‘Bisogna crearsi delle situazioni folli’
Sanremo, intervista a Giovanni Caccamo: ‘Bisogna crearsi delle situazioni folli’