Claudio Cecchetto: “Sanremo? I ragazzi non ascoltano chi vince ma quello che piace”

Foto
Claudio Cecchetto commenta le polemiche su Sanremo e sul voto delle giurie. "Le giurie sono quelle e ce le teniamo - commenta - magari anno prossimo si farà meglio".
-
loading

Claudio Cecchetto: “Sanremo? Le polemiche ci sono sempre. I ragazzi non ascoltano chi vince ma quello che piace”

È stato Presidente della Giuria di Qualità per ben due volte, per cui Claudio Cecchetto non è di sicuro estraneo alle polemiche. Nel 2002 fu chiamato da Pippo Baudo, nel 2015 – invece – a chiamarlo fu Carlo Conti. L’opinione del produttore discografico sul chiacchiericcio seguito alla vittoria di Mahmood e alle proteste contro il sistema di voto contiene di conseguenza, a dire il vero, una certa filosofia.

Caos in studio per Enrico Nigiotti a Domenica In, Venier: “Piaci alle donne di una certa età”

“Le polemiche sul Festival ci sono sempre, mi sarei stupito se non ci fossero state anche quest’anno. – risponde infatti ai nostri microfoni Cecchetto – Le giurie sono quelle lì, magari il prossimo anno si cercherà di fare meglio. Le giurie però, lo ripeto, sono quelle e ce le teniamo. Tanto per fortuna i ragazzi non guardano chi vince ma quello che piace. Quando comprano una canzone, fanno un download o uno streaming lo fanno perché un brano piace. Non per altro”.

Chiediamo poi a Cecchetto se tornerebbe sul palco dell’Ariston.

“Io a Sanremo vado sempre volentieri – ci risponde – perché ci sono affezionato. Il Festival è parte della mia vita e della mia carriera. Se mi chiedessero di andare a Sanremo figuriamoci se rinuncerei. Però non dipende da me”.

Beppe Fiorello: Il mondo sulle spalle, una storia vera
Guarda la photogallery
Claudio Cecchetto commenta le polemiche sanremesi