Beck è tornato, con un po’ di Beatles e tanta intelligenza

Solare e allegro, intelligente e spericolato. Beck ha il suo percorso. Ha il suo stile e la sua musica che, anche se sembra spesso cambiare […]
- - Ultimo aggiornamento
Beck è tornato, con un po’ di Beatles e tanta intelligenza

Solare e allegro, intelligente e spericolato. Beck ha il suo percorso. Ha il suo stile e la sua musica che, anche se sembra spesso cambiare suono, mantiene uno stile fortissimo e distinguibile da tutto.

È pop, ma deciso a mettere in discussione il pop. Beck sa farsi capire, ma ti tiene sempre col l’orecchio attento, vigile, perché trova soluzioni semplici per idee complicate.

Dear Life, il nuovo singolo caleidoscopico del suo prossimo album intitolato Colors, è divertente e fa riflettere. La produzione è tipica di Beck che dopo tredici album in studio sa bene come usare gli strumenti musicali e i trucchi di produzione. Ci sono voluti un po’ di anni per mettere insieme questo ultimo album di Beck, esattamente quelli che vanno dal 2013 al 2017, appunto. Dreams l’altro singolo che estratto da Colors è uscito nel 2015, mentre l’album era ancora in fase di realizzazione.

Durante il primo anno abbiamo sperimentando e ci sono stati molti tentativi ed errori. Mi spostavo costantemente per dei concerti mentre facevo l’album e ho tentato di riportare parte di quell’energia dei concerti in studio, che non è sempre la cosa più facile da fare.

Dear Life è il nuovo singolo di Beck in uscita ad ottobre, una boccata di aria fresca densa di arte e voglia di condividere la sperimentazione. E’ un singolo che fa ricordare quanto Beck sia prezioso per la musica e quanto riesca a smuovere le convenzioni senza mai essere complicato. Qualcuno ha scomodato i Beatles per raccontare questo singolo, con l’aggiunta di un pizzico di dramma, Beck ne parla così:

Dear Life è solo l’inevitabile tumulto di essere vivo. E’ come chiedere a qualcuno di lanciare un’ancora di salvezza.

Beck è sano e salvo e la sua musica vivace e avvincente come sempre. Funziona in radio, ma piace anche agli ascoltatori più sofisticati.