Arti&Mestieri ritornano con il loro progressive-jazz evocativo

Sono passati quasi quarant’anni dall’uscita del loro storico, primo album “Tilt” che, con questo nuovo e convincente “Universi Paralleli”, gli Arti&Mestieri ritornano alla grande anche […]
-
Arti&Mestieri ritornano con il loro progressive-jazz evocativo

Sono passati quasi quarant’anni dall’uscita del loro storico, primo album “Tilt” che, con questo nuovo e convincente “Universi Paralleli”, gli Arti&Mestieri ritornano alla grande anche se la band, nel corso degli anni e sino ad oggi, e sempre stata in pista realizzando ben undici album fra studio e live. Furio Chirico, ex batterista di The Trip e de I Ragazzi del Sole, insieme allo storico compagno il chitarrista Gigi Venegoni si lasciano trasportare da una vena compositiva particolarmente ispirata che si concretizza nella realizzazione di un concept album  tranquillamente rapportabile a capolavori del passato, come appunto il leggendario “Tilt”(1974).

Arti&Mestieri nuovo album progressive jazz- oriented

Una nuova opera, sulle onde del solito e compatto progressive molto jazz- oriented  tipico della band, che si avvale anche della rinascita di una storica etichetta come la mitica Cramps (distribuita dalla Sony Records). Ed, insieme ad architetture sonore particolarmente ispirate e ricche d’inventiva, ritroviamo concetti tipici delle migliori produzioni del genere che toccano argomenti, spesso significativi e di spessore, come, in questo caso, le diverse dimensioni della realtà. La scienza, la fantascienza, il paranormale, la psicoanalisi, tutto ci suggerisce l’esistenza di queste altre dimensioni dello spazio, del tempo e del pensiero che, il più delle volte, ignoriamo o trascuriamo.

E a mettere in musica queste sensazioni ed emozioni ci pensano collaudati musicisti come Iano Nicolo’(voce), Roberto Puggioni (basso) e Marco Roagna (chitarra acustica ed elettrica) insieme a delle ”talentuose” novità  come  Piero Mortara fisarmonicista/tastierista/compositore (Venegoni&Co.) o il giovane violinista Lautaro Acosta, premiato piu’ volte  dalla critica italiana di musica classica. Ad accrescere l’interesse per la nuova opera  ospiti d’eccezione,come Arturo Vitale (sax soprano), componente storico della prima formazione di Arti&Mestieri,  Mel Collins, straordinario saxofonista e flautista dei mitici King Crimson  e Lino Vaiiretti, tutt’oggi  anima di uno dei migliori gruppi progressive nazionali: gli Osanna.