Alvaro Soler: X Factor, la vita a Milano e la collaborazione con Emma

Foto
Non ci sono dubbi sul fatto che sia uno dei personaggi più carismatici degli ultimi anni, ma di sicuro trovarselo dietro il banco dei giudici […]
-
loading

Non ci sono dubbi sul fatto che sia uno dei personaggi più carismatici degli ultimi anni, ma di sicuro trovarselo dietro il banco dei giudici ad X Factor resta comunque una sorpresa. Positiva (almeno per ora), almeno a giudicare da come se l’è cavata Alvaro Soler nel corso della prima puntata delle audizioni.

Padrone dell’italiano (con qualche sbavatura più che giustificata) e deciso nei giudizi, Alvaro ha già conquistato il pubblico con una buona dose di avvenenza e con una ventata di spontaneità. Le tappe per scoprire l’intero percorso del cantante spagnolo nel talent show italiano sono tuttavia ancora tante. Nel frattempo però abbiamo chiesto al neo-giudice cosa si aspetta da questa esperienza e, soprattutto, come ha lavorato con Emma Marrone, con cui ha inciso il singolo Libre.

“Sarò un giudice giusto, almeno penso. – ci confessa Alvaro – Penso di essere in grado di vedere la realtà, di vedere il talento e giudicare quello. Ovviamente mi lascio andare alle emozioni quando c’è qualcosa che mi piace tantissimo, ma anche quando c’è qualcosa che non mi piace per niente. Si vede”.

Sull’ipotesi di diventare giudice di un talent show, Alvaro confessa che era qualcosa a cui ha sempre in qualche modo pensato: “Ho un sacco di amici che fanno musica, ma che non sanno realmente come si faccia. – risponde – A volte neanche io so come aiutarli, perché non è facile capire cosa funziona e cosa no. L’idea di fare il giudice mi è sempre piaciuta, ma all’inizio ero indeciso, perché ho tantissimo lavoro. Quest’anno Sofia è andata anche meglio di El Mismo Sol, per cui ho tanto da fare. Penso che sarà un anno molto stancante, ma molto divertente e penso di aver fatto la scelta giusta”.

Per l’occasione, Alvaro sta cercando casa a Milano (del resto, l’Italia è ormai una seconda patria per lui), a cui rivela che potrebbe presto affezionarsi.

“Sono venuto tre anni fa a Milano, perché volevo fare l’Erasmus. – confessa – Alla fine non l’ho fatto, Milano però non era bella come ora. O almeno non mi sembrava così bella, mi hanno detto che è stato merito dell’Expo. Ora mi piace, ci sono tanti alberi, anche se X Factor dura fino a dicembre, per cui gli alberi li vedrò poco. Avevo lo stesso problema a Berlino, la città diventa grigia d'inverno. Però qui mi sento bene e non vedo l’ora di fermarmi un po’ più di tempo e scoprire la città”.

Nel frattempo, Alvaro ha già le idee chiare su cosa farà dopo X Factor: “Voglio fermarmi a scrivere un po’ di canzoni per il mio nuovo album. – cin rivela – Voglio studiare e stare in un posto per almeno due settimane, lavorando e andando in studio. A febbraio invece farò il tour in Europa, con paesi nuovi rispetto all’anno scorso”.

Infine, un commento sulla collaborazione con Emma: “Ho un rapporto molto bello con lei. Siamo diventati amici al Coca Cola Summer Festival e già allora abbiamo pensato di fare qualcosa insieme. In un mondo come il nostro è molto difficile trovarsi bene con qualcuno. Stai un po’ di giorni là, un paio di mesi qua, ti rivedi magari dopo un po’ di tempo. Per me, lo confesso, non è facile. Però con Emma mi diverto ogni volta che la incontro. Il giorno in cui abbiamo girato il video è stato spettacolare, ero per la prima volta in Toscana e dovevo guidare una vecchia Alfa Romeo. Sono impazzito!”.

Guarda la photogallery
Alvaro Soler: X Factor, la vita a Milano e la collaborazione con Emma
Alvaro Soler: X Factor, la vita a Milano e la collaborazione con Emma
Alvaro Soler: X Factor, la vita a Milano e la collaborazione con Emma
Alvaro Soler: X Factor, la vita a Milano e la collaborazione con Emma
+1