Davide Petrella, esce il video di Nevada: “Mi piacciono le cose sbagliate, quelle belle però” Foto - Video

Esce il video di Nevada, nuovo singolo estratto dall'album di debutto Litigare, il primo lavoro del cantautore Davide Petrella.

Davide Petrella, esce il video di Nevada: “Mi piacciono le cose sbagliate, quelle belle però”

Dopo Litigare, title track del primo album di Davide Petrella uscito l’8 giugno scorso, arriva il singolo Nevada, di cui è online il video.

Il video racconta l’amore attraverso un lungo bacio.

Jovanotti si racconta: in esclusiva VH1 Storytellers con Jovanotti

Un’immagine forte narrata però in maniera semplice, quasi sintetica, con un gesto universalmente riconosciuto, quale il bacio, unico vero protagonista del video. Due attori, una lei ed un lui, immersi in un contesto naturalistico che, travolti dalla passione che li lega, sono al centro di un tornado, nella calma apparente, dove tutto attorno a loro si muove, ruota e scivola veloce, mentre per loro il tempo sembra quasi essere un elemento superfluo.

“Questa canzone dovevo tirarla fuori proprio in questo preciso momento della mia vita. – racconta Davide Petrella – Mi piace la rete. Mi piace la gente. Mi piacciono le cose sbagliate, ma quelle belle però… quelle che arrivano all’improvviso e ti spaccan’ o core. Come questa canzone ha fatto per me. Raccontateci qualcosa, che ci emozioni”.

Nato nel 1985 a Napoli con una forte passione per la musica, ha iniziato dalla gavetta vera, quella che mescola intuizioni e fatica. Ha scritto la sua prima canzone a 11 anni e si è fatto notare con il gruppo Le Strisce e con il claim “Chi cazzo sono le Strisce?”, che intasò la posta di discografici, agenti e giornalisti diventando virale in poche settimane e dando inizio così alla carriera discografica.

Davide Petrella
Guarda la photogallery
Davide Petrella, l'album del debutto
Il primo singolo è Litigare
Tracklist
"Avevo voglia di esplorare nuove cose"

Grazia Cicciotti

Giornalista e divanista: amo scrivere, ma più di ogni altra cosa amo lavorare seduta.