“Era il rapper più odiato d’Italia, ma avevamo tanti progetti”

-