Maurizio Costanzo Show, Tommaso Zorzi e lo scontro con Platinette sulla legge contro l'omofobia

-
Maurizio Costanzo Show, Tommaso Zorzi e lo scontro con Platinette sulla legge contro l'omofobia

Al Maurizio Costanzo Show va in scena uno scontro tra Platinette e Tommaso Zorzi. I due hanno discusso sulla legge contro l’omofobia e su alcune prese di posizione.

Già nella casa del GF Vip, Tommaso si era espresso contro Platinette: “Non conosco un gay a cui piaccia Platinette, la comunità LGBT non vuole Platinette né si sente rappresentata da ciò che dice. Platinette piace solo a quelle quattro checche di regime e tutto ciò che dice viene preso da esempio dagli omofobi“.

Al MCS, quindi, Coruzzi ha risposto con forza: “Se non rappresento gli omosessuali italiani è perché non voglio rappresentare nessuno, ciascuno di noi è fatto in maniera differente. Dato che mi hai promesso due sberle dall’interno della casa del Grande Fratello, vorrei sapere se hai ancora voglia di darmele“.

Tommaso però non ha demorso: “Il discorso che io ho fatto per quanto ti riguarda era molto semplice, se tu mi esci con interviste in cui attacchi la legge Zan…”

Non era la legge Zan – ha ribattuto Platinette – se citi si cita bene, se posso insegnarti qualcosa. La mia lamentela era data dal fatto che detesto che le coppie gay affittino gli utero per fare figli a loro immagine e somiglianza. Perché non è un forno, e poi gli omosessuali hanno un senso del vittimismo esagerato in questo contesto storico“.

Poi, Zorzi ha concluso “Nella posizione in cui sei, privilegiata come membro della comunità LGBTQ+ avresti avuto più volte l’opportunità di esprimerti in maniera più clemente

foto: Red Communications, Kikapress, Per gentile concessione dell’ufficio stampa Endemol Shine Italy

Foto: Kikapress, Red Communications