Startup innovative: il Lazio è la seconda regione italiana, dopo la Lombardia

Il Lazio si posiziona al secondo posto del 15° rapporto trimestrale delle startup innovative italiane, elaborato da Mise e Infocamere: secondo i dati, con 911 startup (il 10,2% del totale) la regione laziale è seconda solo alla Lombardia e prima dell'Emilia Romagna. Leggi il tweet di Nicola Zingaretti

Il Lazio si posiziona al secondo posto del 15° rapporto trimestrale delle startup innovative italiane, elaborato da Mise e Infocamere: secondo i dati, con 911 startup (il 10,2% del totale) la regione laziale è seconda solo alla Lombardia.

“Gli ultimi dati parlano chiaro: il Lazio è diventata per la prima volta la 2° regione in Italia per numero di startup innovative, sono 911. Dopo la Lombardia e prima dell’Emilia Romagna. Ottima notizia! Anche quest’anno confermati sgravi fiscali per 3 anni al settore. Avanti!”- ha twittato il presidente Nicola Zingaretti.

Leggi anche “Lavoro Digitale: come partecipare alla definizione della legge regionale”

“Da anni abbiamo cominciato a investire con continuità e in forme inedite, non solo utilizzando le risorse europee per mettere a punto bandi a favore delle nuove imprese innovative nascenti, ma anche sostenendo l’azione degli incubatori – anche quelli regionali, gli Spazio Attivo, che sono ormai nove in tutto il Lazio – fino alle più recenti azioni. E abbiamo anche stanziato, nel bilancio appena approvato, nuovi fondi per la riduzione della pressione fiscale alle startup innovative”- ha dichiarato Gian Paolo Manzella.

Un risultato che evidenzia come la Regione Lazio punti e sostenga il settore delle startup innovative made in Italy.

Startupper School Lab

The New Black

Trend e trendsetter