Creato un occhio su chip con cellule umane: potrebbe sostituire la sperimentazione animale

Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine dal gruppo di ricerca di Dongeun Huh a Philadelphia. Com'è fatto l'occhio artificiale su chip

E’ stato realizzato un occhio in miniatura su un chip, basato su un modello 3D fatto con cellule umane che riproducono la cornea e la congiuntiva. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine dal gruppo di ricerca di Dongeun Huh, presso l’Università della Pennsylvania a Philadelphia.

Il globo oculare, lubrificato da lacrime artificiali, è protetto da una palpebra gelatinosa in grado di aprirsi e chiudersi. L’invenzione potrebbe essere utilizzata in futuro al posto di modelli animali per studiare patologie come l’occhio secco o per testare nuovi farmaci.

Leggi anche: Intelligenza artificiale: chip imita il cervello umano e muove una bicicletta

Per la prima volta è stato creato un modello della superficie dell’occhio umano in grado di emulare la struttura multicellulare dell’organo che fa da barriera riguardo l’ambiente esterno.

Occhio su chip: riprodotte patologie della vista per testare nuovi farmaci

Come abbiamo detto, i ricercatori hanno realizzato l’occhio su chip riproducendo la geometria e la composizione cellulare degli strati più esterni. Prima hanno coltivato cellule derivate dalla cornea e dalla congiuntiva in un’interfaccia aria-liquido che gli ha consentito di ricreare la superficie oculare.

Successivamente, questa è stata inserita dentro una piattaforma in cui è stata esposta a fluidi lacrimali e allo scorrimento di una palpebra artificiale di idrogel che simula il battito spontaneo delle palpebre.

Proprio attraverso questa piattaforma, i ricercatori hanno sviluppato un modello che può riprodurre il disturbo dell’occhio secco, ideale per testare farmaci. Lo scopo è quello di migliorare il sistema per poterlo utilizzare al posto della sperimentazione animale per provare l’efficacia di nuovi farmaci.

La ricerca andrà avanti con l’obiettivo di arrivare a simulare davvero la complessità dell’occhio umano. Saranno aggiunti nuovi elementi, come i vasi sanguigni, le terminazioni nervose e le cellule del sistema immunitario.

valvole cardiache stampate in 3D

Rara PIol

Giornalista, blogger e scrittrice

The New Black

Trend e trendsetter