Piatto sospeso: regala un pasto ai bisognosi grazie a un’app, ecco come

È tornata l'iniziativa solidale del Piatto Sospeso: fino al 18 dicembre, infatti, sarà possibile offrire un pasto caldo alle persone meno abbienti grazie a un'app. L'idea è promossa da Just Eat e Caritas, con il sostegno di Pony Zero e dei ristoranti che hanno aderito. Ecco come fare

È tornata l’iniziativa solidale del Piatto Sospeso: fino al 18 dicembre, infatti, sarà possibile offrire un pasto caldo alle persone meno abbienti grazie a un’app. L’idea è promossa da Just Eat e Caritas, con il sostegno di Pony Zero e dei ristoranti che hanno aderito.

Si potrà scegliere tra tantissime pietanze: panini, riso, pasta, pollo, hamburger, piadine e tanto altro ancora. Quest’anno potrete regalare il Piatto Sospeso a Milano, Roma e Torino. Vediamo insieme come funziona.

Piatto Sospeso: ecco come regalare un pasto ai più bisognosi

Fino al 18 dicembre, quando effettuerete un ordine su Just Eat, avrete l’occasione di fare un gesto solidale e offrire un pasto alle persone meno fortunate, al piccolo prezzo di 3,00 o 5,00 euro.

L’app ‘raccoglierà’ il cibo donato e, con il supporto dei ristoranti partner, li consegnerà a case accoglienza, senza tetto e comunità, la sera del 20 dicembre 2018, Giornata Internazionale della solidarietà Umana. Non finisce qui: i pasti donati si moltiplicano insieme ai follower di Instagram!

Come? Basterà scattare una foto della vostra cena a domicilio dove avete ordinato un Piatto Sospeso e condividerla su Instagram, utilizzando l’ashtag #unpiattosospesoconjusteat e il tag alla pagina @justeat_it. In questo modo la vostra donazione sarà moltiplicata in base al numero dei follower:

– da 1.000 a 10.000 follower: 2 piatti
– da 10.000 a 50.000 follower: 3 piatti
– da 50.000 a 100.000 follower: 4 piatti
– + di 100.000 follower: 10 piatti

Un’iniziativa che lo scorso anno si è rilevata un successo: il Ristorante Solidale di Just Eat ha consegnato a domicilio oltre 400 cene di Natale.

Per conoscere tutti i ristoranti che aderiscono clicca qui.

emergenza povertà
Facebook Comments

The New Black

Trend e trendsetter