Maratona di New York contro la paura. Il messaggio di forza e di speranza Foto

Lo scorso 5 novembre, oltre 50mila persone hanno partecipato alla Maratona di New York a pochi giorni dall'attentato di Manhattan, lanciando un forte messaggio di speranza e dimostrando la voglia di andare avanti e di non farsi imprigionare dal terrore

A meno di una settimana di distanza dall’attentato di Manhattan, lo scorso 5 novembre, la Grande Mela ha dimostrato di non aver paura e coraggiosamente è scesa in strada in occasione dell’attesissima Maratona di New York.

Non è la prima volta che la gara podistica si svolge a distanza di un grave evento: ironia della sorte, già nel 2011, i newyorkesi non avevano rimandato la maratona in seguito al crollo delle Torri Gemelle. Ci risiamo, purtroppo. Ma, ancora una volta, la Grande Mela torna a dimostrare il suo coraggio, la sua voglia di non arrendersi, di non farsi imprigionare dalla paura e i 53.000 partecipanti provenienti da 125 Paesi (di cui 3002 italiani) ne sono la conferma.

E una ricompensa a tutto questo c’è stata: sì, perché, a distanza di 40 anni, a vincere nella categoria femminile è stata proprio una podista americana. Si tratta di Shalane Flanagan, 36enne statunitense, bronzo olimpico nel 2008 a Pechino e sesta classificata ai Giochi di Rio 2016, che, il giorno prima della Maratona di New York, aveva dichiarato che, in caso di vittoria, quella sarebbe stata la sua ultima gara, a chiudere una bellissima carriera.

La Flanagan ha svolto la corsa in due ore, 26 minuti e 53 secondi, battendo tutte le sue avversarie, compresa la keniana Mary Keitany, vincitrice delle ultime 3 edizioni.

L’ultima donna americana a vincere la Maratona di New York era stata Miki Gorman – scomparsa due anni fa – nel 1977.E quest’anno, la vittoria della Flanagan, evidentemente emozionata al termine della competizione, arriva a pennello, per incrementare, ancora di più, nei newyorkesi, la voglia di guardare avanti e la voglia di vincere, anche sul terrore.

A vincere la Maratona di New York, nella gara maschile, invece, è stato il keniano Geoffrey Kamworor, due volte campione del mondo nella mezza maratona. Dopo un testa a testa impegnativo con Wilson Kipsang, il keniano è riuscito a prevalere e a tagliare per primo il traguardo.

Terminata la Maratona di New York, assegnata la medaglia di vincitori a Shalane Flanagan e a Geoffrey Kamworor e dimostrato al mondo intero che la corsa va oltre ogni cosa, anche oltre il terrore, New York riparte più positiva di prima.

Guarda la photogallery
Shalane Flanagan vince la Maratona di New York
Shalane Flanagan emozionata per la vittoria
Shalane Flanagan festeggia dopo la vittoria
Shalane Flanagan porta a casa il titolo alla Maratona di New York
+1