“Mare Caldo”: parte da Napoli la nuova operazione di Greenpeace per monitorare i nostri mari

L'obiettivo di Mare Caldo è monitorare in che modo i cambiamenti climatici incidano sulle nostre acque, per tutelare la biodiversità marina e l'uomo

Mare Caldo è il nome della nuova operazione di Greenpeace, lanciata a Napoli proprio durante la Cop21, la Conferenza delle Parti della Convenzione di Barcellona, tavolo di confronto tra i governi dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

L’obiettivo della missione è quello di monitorare in che modo i cambiamenti climatici incidano sul nostro mare. Secondo l’ultimo report presentato dall’organizzazione ambientalista, gli oceani del Pianeta hanno un ruolo fondamentale nella lotta al climate change, assorbendo calore e CO2 dall’atmosfera.

Leggi anche: Fridays for Future, il mondo in piazza per il Pianeta. Intanto il Parlamento Ue dichiara l’emergenza clima

“Per capire cosa sta succedendo abbiamo installato insieme all’Università di Genova una stazione pilota per la misurazione delle temperature del mare vicino alla costa nord-occidentale dell’Isola d’Elba” – ha spiegato Giorgia Monti, responsabile campagna Mare di Greenpeace Italia.

Mare Caldo: gli oceani soffrono e con loro la biodiversità marina

Secondo gli esperti gli oceani hanno svolto un ruolo importantissimo contro i cambiamenti climatici. Come? Assorbendo circa il 90% del calore causato dal riscaldamento globale. Questo, tuttavia, a caro prezzo. L’acidificazione e la perdita di ossigeno, nonché il conseguente riscaldamento del mare, stanno impattando gravemente sulla biodiversità marina.

Non solo. A essere in pericolo è anche l’essere umano, per via dello scioglimento dei ghiacci e dell’aumento del livello del mare. Basti pensare al Mediterraneo, bacino semi-chiuso con una forte presenza di attività umane, dove le conseguenze dei cambiamenti climatici sono evidenti. In Italia, negli ultimi 50 anni, le temperature superficiali sono aumentate di circa 2 gradi. Inoltre l’innalzamento medio annuo del livello del mare, negli ultimi 20 anni, è stato di circa 2,4 millimetri.

Oggi, sempre nel capoluogo campano, la Conferenza degli Stati ha approvato la Dichiarazione di Napoli. Il documento impegna i 21 Stati del bacino del Mediterraneo, con l’Ue, a cooperare nei prossimi anni su una serie di obiettivi importanti.

“Obiettivi raccolti in quattro temi salienti per un futuro di pace, prosperità e sviluppo sostenibile sulle sponde del Mare Nostrum, legati alla tutela dell’ambiente marino e delle regioni costiere” – ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

Quali sono questi obiettivi? Il marine litter, fino alla totale eliminazione dei rifiuti in mare; nuove strategie per combattere i cambiamenti climatici a livello regionale; potenziare il sistema di aree protette e tutelare la biodiversità; attuare soluzioni di blu economy per un futuro sostenibile.

E’ stata inoltre adottata una road map per proporre la nomina del Mediterraneo come zona a emissioni controllate di ossidi di zolfo.

riscaldamento globale
Facebook Comments
Rara PIol

Rara PIol

Giornalista, blogger e scrittrice

The New Black

Trend e trendsetter