Aspettando la Giornata della Terra: anche Obicà dichiara guerra alla plastica

Il 22 aprile sarà la Giornata della Terra, la più grande manifestazione ambientale del pianeta che dovrebbe riunire i popoli e i cittadini di tutto il mondo: tutti dobbiamo fare qualcosa e un segnale forte arriva anche dal mondo della ristorazione

Il 22 aprile sarà la Giornata della Terra, la più grande manifestazione ambientale del pianeta che dovrebbe riunire i popoli e i cittadini di tutto il mondo: il 2019 sarà ricordato come un anno di grande presa di coscienza rispetto alle problematiche ambientali, anche perchè stiamo iniziando a subire gli effetti devastanti dei cambiamenti climatici e troppe cose non possono più essere ignorate.

Secondo la Ellen MacArthur Foundation, nel 2050 ci sarà più plastica che pesce negli oceani e nonostante i Friday Strike lanciati dalla baby attivista Greta Thunberg abbiano mostrato una profonda sensibilità da parte delle giovani generazioni sul fronte della sostenibilità portando l’argomento in cima all’agenda setting a livello globale, è solo attraverso l’unione di buone pratiche a livello comunitario e di singoli individui che si può e – in un certo senso – si deve fare la differenza.

mari di plastica
Anche Obicà Mozzarella Bar, gruppo di 24 ristoranti in Italia e nel mondo, ha deciso di provare a fare il suo con l’introduzione di box monouso ecosostenibili nei ristoranti che effettuano servizi di take away e delivery, che gradualmente sostituiranno i vecchi contenitori in plastica. I ristoranti Obicà hanno infatti rinnovato i box contenitori adeguandosi con anticipo alle norme europee che entreranno in vigore nel 2021 e salvaguardando nel contempo il gusto dei cibi trasportati e il design delle confezioni.

Questa iniziativa rientra nella missione del gruppo che da sempre mostra un’attenzione di rilievo per gli ingredienti, per la cura e provenienza delle materie prime e per l’ambiente. In particolare, per la realizzazione dei box, al posto del tradizionale PET, sono stati scelti materiali certificati eco-compatibili quali la polpa di cellulosa, biodegradabile e compostabile, e il PLA, che deriva da risorse rinnovabili come l’amido di mais o la canna da zucchero ed è smaltibile in maniera semplice nell’umido domestico. I ristoranti Obicà in Italia e UK si sono quindi dotati di contenitori realizzati con materie prime di origine vegetale, rinnovabili, al 90% biodegradabili e compostabili, mentre per il restante 10% si sono scelte materie riciclate o riciclabili per questioni tecniche e prestazionali. Anche il nuovo box per la Pizza è un prodotto ecologico al 100%, realizzato solo con cartone riciclato, che rallenta il raffreddamento della pizza, e alluminio riciclabile all’interno per mantiene inalterato il gusto.

Fake news, come difenderci

Francesca Di Belardino

Giornalista, amante delle serie tv, gattara: amo l'innovazione, la tv, i libri di carta e cerco di scriverne meglio che posso. Ancora in attesa della mia lettera da Hogwarts.

The New Black

Trend e trendsetter