Arriva il nuovo Piano lupo che non prevede abbattimenti controllati: i dettagli

Il documento prevede 22 azioni che mirano a "conservare" la biodiversità e "minimizzare il suo impatto sulle attività dell'uomo". Quello che c'è da sapere

Dal ministero dell’Ambiente arriva il nuovo “Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia” che sostituisce quello in vigore del 2002. Il documento, che il Ministero ha consegnato alla Conferenza Stato-Regioni per l’approvazione, prevede 22 azioni che hanno l’obiettivo di “conservare” la biodiversità e “minimizzare il suo impatto sulle attività dell’uomo”.

Dopo le polemiche sulle uccisioni previste dal precedente piano, quello del 2017, il nuovo documento esclude gli “abbattimenti controllati” e la riapertura della caccia. Restano invariate tutte le altre azioni per garantire la convivenza fra lupi e bestiame.

Leggi anche: “La globalizzazione non risparmia neanche gli scimpanzé: lo studio”

“Con questo piano ribadiamo che non servono abbattimenti, ma una strategia, che abbiamo delineato in 22 azioni” – ha spiegato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, aggiungendo che è necessario “un continuo aggiornamento delle linee guida del Piano e che altre iniziative verranno prese anche parallelamente, in sinergia col Piano”.

Nuovo Piano Lupo, Costa: “Serve una prevenzione attiva e diversificata dei possibili conflitti”

Numerose consultazioni con Regioni, Province Autonome, Ispra e portatori di interesse hanno dato vita alle 55 pagine del nuovo piano. Il documento aggiorna al 2017-2018 la stima della popolazione del lupo sulle Alpi. Ci troviamo di fronte a una crescita rispetto al 2015, dove erano presenti circa 100-130 esemplari, mentre gli ultimi dati indicano 293 individui. Sugli Appennini, invece, la stima è confermata in 1.580 animali in media con i valori compresi tra 1.070 e 2.472.

Per avere dati maggiormente affidabili, il nuovo Piano Lupo prevede il monitoraggio di questo esemplare avvalendosi del supporto tecnico dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra). Tra gli obiettivi c’è quello di favorire una maggiore informazione pubblica dell’impatto dei cani vaganti e degli ibridi lupo-cane sulla conservazione della specie.

A detta del ministro Costa “serve una prevenzione attiva e diversificata dei possibili conflitti”. Così, insieme al Ministero delle Politiche agricole, si sta valutando di sperimentare interventi innovativi in specifici ambiti territoriali, come già accade in altri Paesi europei.

protezione animali

The New Black

Trend e trendsetter