‘Wonderland’, la mostra per i 150 anni di ‘Alice nel Paese delle Meraviglie’

Una delle storie più amate di sempre, ‘Alice nel Paese delle Meraviglie’, compie i suoi primi 150anni. A celebrarla una mostra alla Galleria SpazioCima di Roma.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Era il 1872 quando il personaggio di Alice arrivò in Italia grazie all’editore Loescher. Da allora, anche i lettori del nostro Paese iniziarono ad amare le strampalate vicende nate qualche anno prima dalla penna di Lewis Carroll, pseudonimo di Charles Lutwidge Dodgson. Lo scrittore, nel 1865, diede vita alla sua opera più celebre Alice’s Adventures in Wonderland, capolavoro del fantasy britannico e mondiale.

Nelle pagine di Carroll si snoda lo straordinario viaggio di Alice in un mondo popolato da strane creature antropomorfe, tra animali parlanti e battagliere carte da gioco. Per celebrare l’anniversario della prima pubblicazione italiana, la Galleria SpazioCima di Roma propone la collettiva Wonderland curata e organizzata da Roberta Cima. In esposizione, opere di AjnoS, Le Fiabe nel Cassetto di Serenella Lombardi e Alessandra Pierelli ispirate al mondo di Alice.

Le opere esposte

AjnoS firma un’inedita la Regina di Cuori, meno bellicosa di quanto si sia sempre creduto: “Forse è solo una bambina che ha bisogno di attenzioni – spiega l’artista – Forse Wonderland è il luogo in cui tutti, anche gli acerrimi nemici, possono essere amici e giocare insieme al gioco del silenzio”. Giocoso lo spirito di Alessandra Pierelli, che rilegge l’iconica festa del ‘buon non compleanno’ con il Cappellaio Matto e lo Stregatto.Gli iconici personaggi saranno da me rivisitati – racconta Pierelli – con la mia personale tecnica del polistirolo rivestito da una texture di puntine colorate, rese lucide e scintillanti da una finitura finale di resina”.

LEGGI ANCHE: — Il Bosco di Biancaneve esiste davvero e si trova a pochi chilometri da Viterbo

E ancora, immancabile il Bianconiglio, protagonista con Alice de Le Fiabe nel Cassetto. “Ogni personaggio ha un’anima in fil di ferro, viene poi modellato in pasta sintetica e dipinto con colori acrilici. Altri materiali usati: vecchi cassetti, legno, rami e cartapesta”. E nella “terra delle meraviglie” c’è spazio anche per altre storie favolose, da Cappuccetto Rosso a Biancaneve e i sette nani, da La Bella Addormentata nel bosco al Re Leone.

La mostra Wonderland è visitabile, a ingresso libero, dal 16 novembre al 23 dicembre, da martedì a venerdì 15:30-19:30, sabato e domenica 16:00-19:30. Apertura domenicale dal 27 novembre. Circa 30 le opere esposte, con differenti tecniche e stili, per riproporre non soltanto il mondo di Alice, ma anche altre storie “favolose”. 

Foto da Ufficio Stampa Uozzart

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!

 
Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!