X Men, gli errori che non avevi mai notato nei film della saga

È il settimo franchise più redditizio di sempre: 13 i film che compongono la saga degli X Men. Però, che confusione che c'è!
- - Ultimo aggiornamento
loading

Nel 2000 usciva al cinema il primo film della saga X-Men per la regia di Bryan Singer. Inizia così l’avventura nel mondo di questi supereroi dei fumetti Marvel Comics, che porterà alla realizzazione di ben 13 film, comprensivi di alcuni spin off. Uno dei franchise più redditizi della storia, il settimo per l’esattezza che però è popolato da tantissimi errori. La cronologia degli eventi è diventata sempre più complicata tra prequel sequel e spin-off e tanta è la confusione.

LEGGI ANCHE:– Stasera in tv, X Men – L’inizio su Italia 1: le curiosità sul film che non sapevi

Se non avete visto i film del franchise, attenzione perché nel segnalarvi gli errori spoilereremo inevitabilmente alcuni finali dei film.

Charles Xavier: che confusione sulla sua storia!

Iniziamo da uno dei personaggi iconici della saga: Charles Xavier. Siamo abituati a vedere il professor Xavier muoversi sulla carrozzina. Tuttavia un tempo camminava ed è proprio il momento in cui smette di farlo che è raccontato in maniere confusionaria. In X-Men le origini – Wolverine (film del 2009 ambientato 17 anni prima dell’entrata di Wolverine negli X-Men), il professor Charles Xavier interpretato da Patrick Stewart, camminando salva tutti i mutanti. Nel quadro totale questo evento implica che Xavier non era ancora rimasto paralizzato. Ma in X-Men – L’inizio (film del 2011 che si posizione come prequel degli altri film) viene raccontata un’altra storia: il giovane professore interpretato da James McAvoy ha perso l’uso delle gambe durante la crisi missilistica di Cuba.

Restando in tema Xavier, in X-Men: Conflitto finale (2006) il corpo del professore viene disintegrato e la sua coscienza trasferita in quella di un altro. Ma a partire da Wolverine – L’immortale (2013) torna ad essere presente con le sue solite sembianze.

Mystica

All’interno della saga la mutante Mystica è interpretata da Jennifer Lawrence nei capitoli prequel e da Rebecca Romijn nei primi tre film della saga. Tuttavia quello che fa storcere il naso è la decisione di portare Mystica all’interno degli X-Men con una conversione che avverrà successivamente; e il fatto che troppo spesso la Lawrence venga mostrata con le sue vere sembianze. Questo per far sì che fosse riconoscibile e visibile l’attrice che altrimenti sotto tutto il trucco della mutante non sarebbe stata tale.

X-Men – Giorni di un futuro passato (del 2014) si chiude con Wolverine prigioniero di William Stryker e allo stesso modo si apre il film successivo X-Men: Apocalisse del 2016. Ma mente nel primo era stato messo in evidenza che lo Stryker di cui era prigioniero Wolverine era in realtà Mystica, in Apocalisse il nostro eroe è inspiegabilmente prigioniero del vero Stryker. Ma perché?!

LEGGI ANCHE:–‘X Men: Dark Phoenix’, Jessica Chastain: ‘Grazie al pubblico,ci sono ruoli femminili forti come questo’

Quando e chi ha creato Cerebro?

Chiudiamo segnalandovi altre due incongruenze. Una è legata alla creazione di Cerebro; in alcune pellicole viene raccontato che questo è stato realizzato insieme a Magneto, in un’altra pellicola viene data la paternità alla Bestia. L’altra riguarda i primi studenti del professore; nei primi capitoli della saga Charles racconta che Jean Grey, Ciclope e Tempesta sono stati i suoi primi studenti. Ma in X-Men – L’inizio il gruppo è formato da altri protagonisti.

Insomma, parafrasando Quelo ‘C’è grossa crisi’. Se volete prendere appunti e scoprire tutto ciò che non torna nella saga, su Italia 1 alle 21:20 venerdì 25 giugno andrà in onda il primo dei prequel ovvero X-Men – L’inizio.

Crediti foto@kikapress