‘Rigoletto al Circo Massimo’: Damiano Michieletto porta sullo schermo l’anima noir di Verdi

Dopo essere stato presentato alla Festa del Cinema di Roma 2021, arriva in prima visione Tv 'Rigoletto al Circo Massimo'
- - Ultimo aggiornamento
loading

Dopo essere stato presentato con successo all’ultima edizione della Festa del Cinema di Roma, l’opera “Rigoletto al Circo Massimo” regia di Damiano Michieletto arriva in prima serata su Rai 3. Il primo film opera sul capolavoro verdiano andrà in onda giovedì 30 Dicembre alle 21.20.

Un’opera quella di Verdi scritta nel 1850, dal gusto e dai tratti geniali se paragonata agli altri lavori composti in quello stesso periodo, come sottolinea ai nostri microfoni il regista Damiano Michieletto.

“È un’opera che sembra già cinema, un’opera dal grande ritmo che ha tutte le caratteristiche di quello che oggi potremmo chiamare un noir.”

Damiano Michieletto
Crediti foto@Kimberley Ross

Primo spettacolo dal vivo messo in scena in Italia dopo la chiusura legata alla pandemia nel luglio 2020, il lavoro di Michieletto dopo la splendida cornice del Circo Massimo arriva in televisione. Un lavoro che ha dovuto confrontarsi con le limitazioni imposte dal virus: prima su tutte la necessità di rispettare il distanziamento sul palcoscenico.

“I limiti, i paletti devono essere sempre un trampolino. Devono sempre essere vissuti come un’opportunità, perché nel momento in cui tu li vivi come dei limiti stai già perdendo. I limiti possono essere l’occasione la possibilità per creare qualcosa di inaspettato che faccia dire woaw a chi la vede.”

Damiano Michieletto

Lo spettacolo, come spiega Michieletto, è nato in modo del tutto inaspettato e il dover trovare soluzioni nuove per superare gli ostacoli ha portato il progetto a toccare vette straordinarie. Dall’essere messo in scena al Circo Massimo fino a diventare un film opera.

Il film Rigoletto al Circo Massimo, con la regia di Michieletto, offre un percorso dell’opera in chiave filmica attingendo a tutto il materiale video dello spettacolo, in cui l’azione in diretta su un palcoscenico di 1500 mq dialogava con un maxischermo su cui venivano proiettate le riprese di alcune steadycam presenti sul palco, anch’esse parte della scena. Il film, grazie a  una riscrittura che compone tutti i materiali e i punti di vista a disposizione, consente una nuova esperienza di fruizione che permette allo spettatore di entrare nell’opera.

Rigoletto al Circo Massimo propone una contaminazione fra differenti linguaggi di cui sfrutta tutte le potenzialità con l’intento di restituire allo spettatore un’esperienza artistica nuova che si pone a metà strada tra la rappresentazione dal vivo e quella cinematografica.

Crediti foto@Kimberley Ross

Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!

 
Newsletter

Iscriviti a Funweek,
ogni settimana il meglio di
cinema, tv e gossip!