Liam Neeson in ‘The Silent Man’: su Funweek l’intervista in esclusiva per l’Italia

Foto
Liam Neeson in 'The Silent Man' porta sul grande schermo l'informatore 'Gola Profonda' il vice direttore dell'FBI che diete vita allo scandalo del Watergate che colpì gli Stati Uniti nel 1972. Il film arriverà al cinema dal 12 aprile. Ecco l'intervista in esclusiva per l'Italia su Funweek a Neeson
- - Ultimo aggiornamento

Liam Neeson in ‘The Silent Man’: su Funweek l’intervista in esclusiva per l’Italia

Dopo essere stato presentato al Toronto Film Festival, il 12 aprile arriverà nelle sale cinematografiche distribuito da BIM Distribution ‘The Silent Man’ film diretto da Peter Landesman, che affronta lo scandalo del Watergate dal punto di vista dell’informatore ‘Gola Profonda’ ovvero il vice direttore del’FBI Mark Felt, interpretato da Liam Neeson.

In attesa di vedere Neeson sul grande schermo in questo film che propone delle tematiche più che mai attuali, noi di Funweek vi proponiamo in esclusiva per l’Italia l’intervista a Liam Neeson che racconta il suo coinvolgimento sul progetto, di quella volta che parlò con Trump e di una possibile serie TV.

Liam Nesson in ‘The Silent Man’: l’attore irlandese è l’agente del’FBI Mark Felt.

Come è stato coinvolto per la prima volta in questo progetto?

“Peter Landesman si è avvicinato a me. Non riesco a ricordare quando, ma lo è stato ovviamente attraverso il mio agente. Non conoscevo Peter. Conoscevo alcuni dei suoi scritti perché era un giornalista investigativo. Hanno proiettato per me il suo film ‘Commozione cerebrale’, e io non so nulla del football americano. Sono rimasto affascinato, e ho pensato che raccontasse una storia molto interessante. Trovavo che l’avesse diretto molto bene. Poi abbiamo parlato del Watergate e io ero abbastanza ignorante al riguardo. Sono cresciuto in Irlanda e a quel tempo (si parla del 1972) stavamo attraversando i nostri problemi quindi, l’intera faccenda del Watergate americano non era in cima alla lista dei miei pensieri. Poi ho pensato a quattro attori diversi che avrebbero potuto interpretare meglio di me Mark Felt. Lo faccio sempre, con ogni progetto.”

E come si è convinto di poter interpretare questo ruolo?

“Penso che Peter abbia visto una nobiltà di carattere e ho pensato, ‘beh, sì, posso farlo’. Ho subito cominciato a fare ricerche su tutto il periodo e su cosa ha motivato quest’uomo, Mark Felt, e niente era o bianco o nero. Penso che Peter avesse una visione di Felt molto più eroica della mia. Non sto dicendo che quello che ha fatto Mark Felt è sbagliato o giusto o eroico, ma penso che il non essere stato preso in considerazione per diventare il capo dell’FBI dopo la morte di Hoover, gli ha fatto davvero davvero male e lo ha toccato nel profondo. Poi hanno portato e messo a capo dell’agenzia Patrick Grey, che era un ex comandante dei sottomarini (cioè qualcuno al di fuori dell’FBI) e questo ha aggiunto il danno oltre la beffa. Credo che sia stato tutto questo ad istigare l’intera faccenda del Watergate. Penso che Felt abbia capito fin da subito dove tutto questo portava – forse non immaginava all’ala occidentale della Casa Bianca – ma sapeva che c’era un vero nodo lì che doveva essere sciolto. Infatti una delle prime cose che disse a Woodward quando lo incontrò fu: il Watergate è un nodo e c’è un modo per scioglierlo.”

Con Peter avete parlato della rilevanza contemporanea? Secondo alcuni l’indipendenza dell’FBI è nuovamente minacciata.

“È un grosso problema, sì. A quel tempo, ovviamente, non sapevamo che Trump stava per essere eletto. Non era affatto all’orizzonte. Ma sì, abbiamo parlato un po ‘, e ovviamente letto molto su cosa fossero l’FBI e l’eredità che Hoover ha lasciato, dopo aver presieduto l’agenzia per ben sette presidenti. Era nell’FBI da 45 anni, e Mark Felt era un allievo di quell’epoca. Penso che l’altra cosa che ha sconvolto Felt sia stato il fatto che la Casa Bianca volesse interferire e fermare le indagini dell’FBI. Era tipo, ‘cosa? Nessuno può farlo.’ Quindi questo gli ha fatto ribollire il sangue”

E’ stata questa relazione protettiva con l’eredità di Hoover il suo punto di partenza per lavorare sul ruolo?

“Sì, penso di si. Penso che mi abbia dato una chiave per entrare nel personaggio. Anche il fatto che Mark Felt fosse un po’ illeggibile. Era un atteggiamento professionale che ha imparato durante gli anni. È divertente, ero con suo nipote e stavamo parlando di questo, e ho gli detto che nelle interviste che ho visto, è abbastanza affascinante, ma è illeggibile. Suo nipote mi ha risposto: ‘Sì, potrebbe essere. Ma era anche molto emotivo.’ Amava la mamma di questo ragazzo, sua figlia, e amava anche sua moglie. Bob Woodward non ha mai conosciuto quella parte di lui. Non ha mai saputo della figlia che era fuggita e del piccolo, e che Mark Felt stava cercando di trovarla. Non ha mai saputo niente di tutto ciò. Felt era in grado di dividere la sua vita in compartimenti in un modo molto interessante. Ovviamente era il suo allenamento.”

Com’è stato interpretare qualcuno di così illeggibile?

“Beh, sono irlandese. Mi piace emulare. (Ride). Ma nella sceneggiatura, sapevo della scena in cui trova la figlia, dove va con sua moglie, e ho pensato, ‘giusto, posso rivelarmi in quella scena.’ Il pubblico ha bisogno di vedere quell’emozione. E speriamo, che fin dall’inizio del film,  il pubblico non pensi, ‘Quand’è che questo s***** mostrerà qualche emozione?’ Praticamente sono ragazzi che camminano per i corridoi e siedono dietro scrivanie. Questa è la maggior parte del film. Quindi ho dovuto fidarmi molto di Peter e del suo editore. C’è una bella musica drammatica al di sotto di tutto, e c’erano attori terrificanti,  Diane [Lane] Josh [Lucas] e Tony [Goldwyn] …”

Quando si stava preparando per questo ruolo, ha rivisitato alcune delle idee che avute per Schindler? Sembra che ci siano dei parallelismi tra le due figure e il modo in cui operavano all’interno dei loro rispettivi sistemi.

Questa è un’ottima domanda. Sarò onesto. Non ci ho pensato. La mia reazione istintiva è di dire che Schindler era un bon vivant. Lui era un uomo d’affari di second’ordine, ma sapeva come organizzare una festa, ed ostentava molto. Mark Felt non era affatto così. Era abbastanza imperscrutabile e abbastanza illeggibile. Schindler era il contrario. Non so se l’ho catturato Schindler o no, ma era molto più socievole. Ma ha operato all’interno di un sistema, anche all’interno di un sistema molto pericoloso.

Pensa che il film mostri compassione per Mark Felt alla fine?

“Penso di sì, ma dovrei chiedere a Peter. Penso che Peter rispetto a me lo veda più come un vero eroe. Quello che ha fatto è stato molto eroico, ma cosa lo ha spinto a farlo ha sfumature di grigio. Certamente, penso che fosse schiacciato, come ho detto, dal non aver ottenuto il più alto incarico quando Hoover è morto. Potrebbe averlo fatto per mettere in imbarazzo Patrick Gray, che è stato messo a ‘recitare’ quel ruolo nell’FBI . Lui chiama Gray “Two Day” Gray, perché quando Gray ha ottenuto il lavoro ha subito girato tutti gli uffici dell’FBI in tutto il paese, quindi era di rado a Washington. Giusto un paio di giorni alla settimana. Felt potrebbe aver pensato che fosse un abbandono del dovere. Anche Felt era ben consapevole di essere un uomo del Presidente, ma lui voleva proteggere l’integrità dell’FBI.”

Liam Neeson è Gola Profonda in ‘The Silent Man’. Recensione

Liam Neeson in ‘The Silent Man’: l’incontro con Trump

Riesce ad immaginare un uomo che oggi possa abbattere la Casa Bianca?

“Non mi piace questa definizione. Mark Felt non ha abbattuto la Casa Bianca. (Ride). Beh, diciamo che Robert Mueller in quel momento ha scoperto qualcosa. Sappiamo che c’è una collusione tra questa amministrazione e la Russia. Sappiamo che c’è. Se il Capo di Twitter ne facesse parte o meno, Mueller lo scoprirà, e come un giornalista politico ha detto recentemente: ‘non c’è fumo senza fuoco, e c’è molto fumo.’ Vedremo come andranno le cose. Qualcosa verrà scoperto nel prossimo anno o giù di lì. James Comey è stato coraggioso, il G-Man di G-Man. È stato licenziato perché a quanto pare, lui non avrebbe dato la sua lealtà. Apparentemente il Capo di Twitter richiede assoluta lealtà. Questo è qualcosa di molto simile a quello che avvenne con Richard Nixon. Se non eri dalla sua parte, allora eri un suo nemico. Mr. Trump vede la stampa come un nemico esterno, e lo stesso faceva Richard Nixon. E’ molto spaventoso.”

Ha mai incontrato Trump

“In effetti si. L’ho incontrato due volte. Stavo sostenendo il settore del trasporto in carrozza a Central Park, perché volevano chiuderlo dopo 150 anni. Sono diventato una specie di portavoce per loro e sono andato dietro a loro e alle loro cose, e ho pensato: ‘Chiamerò Donald Trump. Siamo proprio fuori dal suo hotel.’ Lui è venuto al telefono abbiamo fatto una bella chiacchierata, e gli ho detto cosa stavo facendo. Ora, quando lo ripeto nella mia mente, lui era molto cauto. Disse, ‘Beh mi piace guardare fuori dalla finestra e vedere lì i cavalli e le carrozze’. Poi aggiunse: ‘In effetti nei prossimi tre giorni incontrerò Bill de Blasio, il sindaco’ Punto. Speravo che avrebbe detto ‘La farò parlare con il Sindaco’ ma non lo fece. Lui non lo disse. Allora risposi, ‘Ok, è bello parlare con lei Mr Trump. Grazie per essere venuto al telefono.’ E ovviamente dopo abbiamo saputo che stava per candidarsi alla Presidenza, e ho pensato, ‘aha, è per questo che non ne ha parlato’. Quando abbiamo sconfitto questa cosa (e l’industria dei cavalli e delle carrozze è ancora ferma lì e spero che lo sarà sempre) c’era un trafiletto nel New York Daily News che diceva che avevamo vinto questa battaglia, e il signor Trump aveva scritto, ‘Congratulazioni. Ben fatto.’ Quindi è abbastanza giusto.”

Liam Nesson in ‘The Silent Man’: nel suo futuro potrebbe eserci una serie TV?

Ci sono ancora ruoli, o tipi di ruoli, che le piacerebbe esplorare a questo punto della sua carriera?

“Non proprio. Deve essere scritto bene. La scrittura è fondamentale. Ho avuto modo di guardare alcuni di questi fantastici spettacoli e al momento mi sembra che la scrittura in TV sia fantastica. Sto pensando a Ozark. Non so se l’ha visto. Bella serie.”

Prenderebbe in considerazione una serie? 

“Televisione?(Ride). Cara! Questo è quello che devono dire le vecchie star di Hollywood. Joan Crawford dice: ‘Stai facendo la televisione?’ Oh, la farei certo. C’è uno scrittore meraviglioso chiamato Douglas McGrath che è ha scritto un pilot sulla storia di Abraham Lincoln e sui suoi anni alla Casa Bianca, che mi tenta molto. Per quanto adori il film di Steven Spielberg la performance di Daniel Day Lewis, e quella di Sally Field che penso fosse fantastica. Ho pensato ‘il mondo non sa di Abraham Lincoln. L’America non conosce la storia di Abraham Lincoln, di quello che ha passato’. L’intera guerra civile. 625.000 americani sono morti in quella guerra. Ha portato tutto sulle sue spalle (lui e il suo Gabinetto, ma soprattutto lui) per difendere l’idea della democrazia, che può funzionare, e gli Stati Uniti d’America. Noi non conosciamo quella storia. I bambini al giorno d’oggi non hanno idea di quella storia. Quindi sono tentato da questo, per rispondere alla sua domanda sulla TV. Il tempismo sarebbe giusto.”

 

Guarda la photogallery
Liam Neeson protagonista di 'The Silent Man' dal 12 aprile al cinema
The Silent Man diretto da Peter Landesman è ispirato alle memorie di Mark Felt
Liam Neeson nel ruolo di 'Gola Profonda' Mark Felt
Marton Csokas è L. Patrick Gray in 'The Silent Man'
+2