Forever Young: le 5 pellicole sui ‘finti giovani’

Quanto può essere dura crescere? Per molte persone accettare l’avanzare dell’età non è semplice, in quanto si sentono obbligate ad assumere dei ruoli nella società […]
- - Ultimo aggiornamento
Forever Young: le 5 pellicole sui ‘finti giovani’

Quanto può essere dura crescere? Per molte persone accettare l’avanzare dell’età non è semplice, in quanto si sentono obbligate ad assumere dei ruoli nella società che non gli appartengono. Per altri invece crescere è parte integrante della vita, un evento al quale nessuno può sottrarsi. Eppure sono innumerevoli le figure che – nonostante siano consapevoli del fatto di avere una certa età – non riescono a smettere di inseguire una gioventù che sarà sempre un passo avanti a loro. Questo è ciò che accade nella vita reale, ma anche nella nuova commedia di Fausto Brizzi, “Forever Young”, dove i ‘finti giovani’ – interpretati tra i tanti da Fabrizio Bentivoglio (il play boy per eccellenza), Sabrina Ferilli, Teo Teocoli, Lillo, Stefano Fresi, Luisa Ranieri e Lorenza Indovina – animeranno le nostre giornate a partire dal 10 marzo 2016. La pellicola è una commedia corale, che vede interagire tra loro diverse coppie di attori: dal cinquantenne diviso tra due donne, una più giovane e l’altra più matura, al dj d’altri tempi che viene sostituito da una ragazzo più giovane, per poi passare all’uomo fissato con il benessere alimentare e fisico e alla donna matura in cerca di un cosiddetto Toy boy. Il film mette in luce anche il confronto generazionale tra i veri giovani e i più ‘anziani’, che emerge in tutte le coppie mostrate, ma in modo totalmente diverso. Questo aspetto però viene sottolineato prevalentemente nella storia che vede come protagonisti Bentivoglio, Indovina e Pilar Fogliati. Il cinema spesso ha regalato al pubblico pellicole che riprendono il difficile passaggio dalla gioventù all’età adulta di molti uomini.

Vediamoli insieme..

MERYL STREEP: STORIA DI UN'ATTRICE DA RECORD

Segni particolari: bellissimo

In “Segni particolari: bellissimo” ricorderete Adriano Celentano nei panni di un donnaiolo che, aiutato da una seducente ragazza, faceva innamorare le donne per poi lasciarle subito dopo aver sentito pronunciare la parola matrimonio. Un uomo che, come avrete capito, non vuole impegnarsi, anche se – nel suo caso – riuscirà a capire l’importanza dell’amore nella vita. Certo, non cambia il fatto che si sia innamorato di una ragazza molto più giovane di lui, ma perlomeno ha cambiato atteggiamento nei confronti delle donne e già questo è importante.

Molto Incinta

“Molto Incinta” è la commedia del 2007 diretta da Judd Apatow e con protagonisti Katherine Heigl e Seth Rogen, che interpretano due persone molto diverse e distanti tra loro. Lei, Alison Scott, è una ragazza in carriera che ha appena ricevuto una promozione dal network televisivo per cui lavora; lui, Ben Stone, è un ventitreenne scansafatiche con poca voglia di crescere. Quando lei rimane incinta dopo aver avuto con quest’ultimo un rapporto occasionale non protetto, lui dovrà prendersi le sue responsabilità. Ce la farà?

Un giorno, per caso

“Un giorno, per caso” è il film con George Clooney e Michelle Pfeiffer, i quali interpretano rispettivamente Jack Taylor e Melanie Parker. Quando si dice “gli opposti si attraggono”…  E’ proprio il caso di dirlo, dato che lei è una donna abituata a far tutto da sola e a prendersi le sue responsabilità, mentre lui è un giornalista affetto dalla sindrome di Peter Pan, che sembra non volerlo abbandonare.

Love Actually

“Love Actually” è un’altra commedia corale che mette in luce le relazioni tra i diversi personaggi, tra cui emergono la figura dell’uomo di mezza età in crisi (il compianto Alan Rickman), che cerca conforto tra le braccia della sua giovane segretaria, anche se con la moglie (Emma Thompson) sembra andare tutto bene, almeno fino a quando lei non lo scopre.. Nello stesso film vi sono altri due personaggi che paiono non voler ancora crescere, ovvero il cantante Billy Mack, una vecchia leggenda del rock and roll, e David, il nuovo primo ministro inglese.

Perfetti Sconosciuti

Perfetti Sconosciuti è la nuova commedia di Paolo Genovese, attualmente nelle sale cinematografiche, che – grazie alle interpretazioni di Marco Giallini, Valerio Mastandrea, Giuseppe Battiston, Edoardo Leo, Anna Foglietta e di tutti gli altri membri del cast – si trova ancora sul podio del box office italiano. Nel film vi sono molti personaggi che incarnano il ruolo di “Forever Young”, come Cosimo e Lele. Se da una parte il primo ha più di un’amante nonostante si sia sposato da poco e sembra vivere un rapporto tranquillo con la compagna, dall’altra il secondo attende ogni sera una fotografia da parte di una ragazza più giovane, all’insaputa della moglie. In realtà ogni personaggio nasconde un motivo per il quale potrebbe essere considerato un eterno bambino, forse proprio per la paura di farsi vedere fragili o perchè sentono il bisogno di uscire dalla routine quotidiana.

Una cosa è sicura: la società odierna è popolata da ‘finti giovani’ che vogliono provare nuove emozioni, che hanno paura del cambiamento e che, in un modo o nell’altro, vogliono godersi appieno la vita, come possiamo notare anche nel film "Tutto può succedere". Ma sarà questa la strada giusta? Esistono svariati modi per dare alla propria esistenza un tocco di vitalità, un pizzico di brio, eppure le persone tendono a scegliere sempre la strada più facile, perchè – ammettiamolo – è semplice scappare dai problemi. E’ invece più complicato affrontarli, soprattutto se la questione è l’età che avanza. Come dice Stefano Fresi in “Forever Young”, in tutto ciò c’è anche un lato positivo: non sei morto giovane. Vi sembra poco?