Ossessione

Un film di Luchino Visconti. Con Clara Calamai, Massimo Girotti, Dhia Cristiani, Elio Marcuzzo, Vittorio Duse.
Crime, Dramma, Romance. Italia 1943.

Gino capita per caso nello spaccio di Bragana e si innamora di sua moglie Giovanna. Lei vuole liberarsi del marito. Organizzano un finto incidente di macchina, ma il finale sarà diverso. Esordio folgorante di Visconti in pieno fascismo. E’ il punto di arrivo di una riflessione sul realismo cominciata sulle pagine della rivista “Cinema”, ed ha alle spalle il realismo poetico francese (Visconti era stato assistente di Renoir) e del realismo sociale americano (il film è ispirato a “Il postino suona sempre due volte” di James Cain). Due divi dell’epoca usati in un contesto di crudo realismo, un uso assolutamente innovativo dei set naturali (il delta del Po). Il film fu proibito dal fascismo ed uscì in versione mutilata.

Ossessione non è attualmente in programmazione nei cinema.