Intervista a Michele Magnani, Global Senior Artist

Foto
Ecco i segreti del trucco da red carpet Sui red carpet di questa edizione abbiamo visto un susseguirsi di talentuose bellezze che hanno sfoggiato look […]
-
loading

Ecco i segreti del trucco da red carpet

Sui red carpet di questa edizione abbiamo visto un susseguirsi di talentuose bellezze che hanno sfoggiato look perfetti in ogni dettaglio. Abbiamo intervistato Michele Magnani, global senior artist di MAC Cosmetic, partner della Festa del Cinema di Roma come make up ufficial per parlare proprio dei make up visti sul tappeto rosso!

Ciao Michele, in questa edizione della Festa del Cinema abbiamo visto moltissimi make up sul red carpet ma qual è il trucco più richiesto dalle attrici e dalle ospiti quando si tratta di un’occasione del genere?

Quest’anno, a differenza del passato, le richieste sono state più vicine a quello che viviamo nel mondo della moda. Se prima il trucco per un’occasione come quella del red carpet era più classico, quest’anno si è seguito il trend della pelle naturale: fondi ipercettibili, tessiture leggere e delicate e finish trasparenti. La richiesta che viene fatta ai make up artist da parte dei personaggi noti è sempre quella di rimanere fedeli alla propria immagine pubblica: nessuna star osa provare un trucco completamente nuovo o stravagante la sera di un red carpet bensì preferisce optare per il trucco che più di tutte la rispecchia. Per quanto riguarda gli occhi, il make-up che va per la maggiore è senza ombra di dubbio lo smoky eyes, non per forza nero ma anche marrone o colorato. Per enfatizzare ancora di più lo sguardo, poi, si applicano delle ciglia finte a ciuffetti: il risultato è uno sguardo aperto e sottolineato ma comunque naturale.

Qual è il colore di rossetto che va per la maggiore?

I rossetti più richiesti sono ovviamente quelli rossi che rappresentano un must sui red carpet. I colori di spicco sono senza ombra di dubbio Ruby Woo e Russian Red; quest’anno però c’è stata una novità! Ai due rossi sopracitati si è infatti aggiunto un nuovo rossetto: si tratta del Lasting Lust della linea pro longwear. Un rossetto a lunghissima tenuta che si fissa sulle labbra e viene idratato successivamente con un gloss per un effetto intenso ma meno drammatico rispetto ai classici rossi che invece sono opachi.

C’è un look (trucco, acconciatura e abbigliamento) specifico che hai amato particolarmente per questa edizione della Festa del Cinema di Roma?

Ho apprezzato moltissimo la scelta “colorata” fatta da Mari Debska (attrice, figlia della regista di These Daughters of Mine) che ha abbinato uno splendido abito verde smeraldo a capelli voluminosi e cotonati e ha optato per uno smokey eyes intenso sempre sui toni del verde e labbra naturali. Stupenda anche Monica Bellucci che riesce sempre a fare la differenza pur rimanendo fedele a se stessa e all’immagine che conosciamo di lei. La mia preferita è stata però la giornalista Mary Mapes (dal suo libro è tratto Truth, film di Vanderbilt in concorso alla Festa). Capelli biondi corti, trucco essenziale e pulito e un tailleur nero giacca e pantalone portato con grande femminilità nonostante il tutore al piede dovuto ad un recente infortunio: un vero esempio di classe!

Qual è per te il trucco iconico da diva del cinema?

Il trucco da diva per eccellenza è quel in cui il dettaglio fa la differenza. E’ un make-up al tempo stesso impercettibile e perfetto: non si devono notare i prodotti usati, il conturing e i punti luce non devono essere marcati sul viso ma devono accarezzarlo. La setosità dell’effetto finale è fondamentale e la si raggiunge solo senza eccessi. Non c’è bisogno di riflettori che ci illuminano da fuori, è una luce che viene da dentro!

Guarda la photogallery
Intervista a Michele Magnani, Global Senior Artist
Intervista a Michele Magnani, Global Senior Artist
Intervista a Michele Magnani, Global Senior Artist
Intervista a Michele Magnani, Global Senior Artist
+2