F1, Gp Mugello e Sochi in calendario Mondiale 2020 

Due nuovi Gp sono stati messi in calendario per la stagione 2020, uno al Mugello, nona prova del mondiale in programma il 13 settembre, l’altro […]
- - Ultimo aggiornamento

Due nuovi Gp sono stati messi in calendario per la stagione 2020, uno al Mugello, nona prova del mondiale in programma il 13 settembre, l’altro a Sochi in Russia, il 27 settembre. Dopo Monza il 6 settembre, il secondo Gran Premio d’Italia della stagione si correrà dunque nel weekend dall’11 al 13 settembre.  

“Mugello e Sochi si uniranno al calendario 2020 rivisto -si legge in una nota della F1-. Questo porta il numero attuale di gare a dieci con altre da annunciare nelle prossime settimane. Come affermato in precedenza, ci aspettiamo che la stagione 2020 possa avere tra le 15 e le 18 gare”. 

Il nome ufficiale dell’evento che il circus ospiterà al Mugello è ‘Formula Pirelli Gran Premio della Toscana Ferrari 1000’, un omaggio alla terra che ospiterà questo appuntamento e alla ricorrenza storica che la Scuderia Ferrari celebrerà quel giorno, con il Gp n.1000 della sua storia.  

L’Autodromo del Mugello, a 35 km da Firenze, è stato inaugurato nel 1974 come naturale evoluzione del Circuito Stradale nato nel 1914, ed è adagiato sulle colline fra Scarperia e San Piero a Sieve. La pista è tra le poche piste che la Fia ha certificato con la qualifica 3-Star Level: l’impianto ha infatti superato il test ambientale definito dalla Federazione, ottenendo così un riconoscimento per l’eccellenza delle politiche di sostenibilità adottate. Con l’assegnazione del nono appuntamento della stagione 2020 al Mugello l’Italia torna a ospitare due gran premi di F1 per la prima volta dal 2006 quando in calendario c’erano, sia il Gp d’Italia a Monza che il Gp di San Marino, all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. 

“La Formula 1 al Mugello, nella città metropolitana di Firenze è un traguardo storico mai raggiunto prima e inseguito per anni”. Ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella. “Il fatto che arrivi proprio ora, in un momento di difficoltà per il nostro territorio fiorentino è ancora più significativo e rappresenterà – ha sottolineato – un trampolino per far ripartire il turismo e l’economia. Se poi aggiungiamo la ricorrenza del millesimo gran premio della Ferrari allora possiamo davvero pensare a un evento che resterà per sempre nella storia dello sport italiano e di Firenze”.