Isabelle Huppert vince il Filming Italy Woman Power Award 

Sarà la grande attrice francese Isabelle Huppert a ricevere il Filming Italy Woman Power Award, il riconoscimento speciale dedicato alle donne previsto nell’ambito del Filming […]
- - Ultimo aggiornamento

Sarà la grande attrice francese Isabelle Huppert a ricevere il Filming Italy Woman Power Award, il riconoscimento speciale dedicato alle donne previsto nell’ambito del Filming Italy Sardegna Festival. La manifestazione, ideata e diretta da Tiziana Rocca si terrà dal 22 al 26 luglio a Forte Village di Cagliari, si è affermata come unica nel suo genere perché lega per la prima volta Cinema e Televisione con proiezioni, incontri e presentazioni di film e serie televisive, coinvolgendo le più importanti distribuzioni e produzioni del piccolo e grande schermo insieme ai colossi dell’entertainment VOD e televisivo. 

“Sono felice e orgogliosa di premiare con il Filming Italy Woman Award un’icona del cinema mondiale come Isabelle Huppert -dichiara l’organizzatrice della manifestazione Tiziana Rocca- Un’artista immensa che attraverso l’interpretazione dei suoi irrequieti e controversi personaggi femminili ha sempre dimostrato forza e coraggio, creando cosi un modello femminile unico e vincente”. 

Fra le attrici più premiate della storia del cinema, la Huppert è apparsa in più di 100 film e produzioni televisive dal debutto avvenuto nel 1971. Attrice più nominata al Premio César, con 16 nomination e due vittorie, ha vinto due Prix d’interprétation féminine al Festival di Cannes per ‘Violette Nozière’ e ‘La pianista’, due Coppa Volpi alla Mostra del cinema di Venezia e un Orso d’argento al Festival di Berlino per “8 donne e un mistero”. 

Tra i suoi riconoscimenti giovanili spicca la vittoria del Premio Bafta alla migliore attrice debuttante per ‘La merlettaia mentre nel 2005 le è stato conferito il Leone d’oro alla carriera. Nel 2016 ha ottenuto il plauso per le sue interpretazioni in Elle e Le cose che verranno; per ‘Elle’, la Huppert si aggiudica il Golden Globe nella sezione miglior attrice in un film drammatico e riceve la sua prima candidatura al Premio Oscar come miglior attrice.