Covid, Giorgio Pasotti: “Per giorni mio cugino ha cercato mia zia morta” 

“Mia zia è venuta a mancare, sola in una stanza di ospedale, ma questo non è colpa di nessuno. È stata una delle vittime caricate […]
- - Ultimo aggiornamento

“Mia zia è venuta a mancare, sola in una stanza di ospedale, ma questo non è colpa di nessuno. È stata una delle vittime caricate sui camion militari e trasportata altrove. Mio cugino ha dovuto aspettare qualche giorno per sapere esattamente dove era stata portata sua madre”. Lo ha detto l’attore Giorgio Pasotti, tornando a raccontare stamattina ad ‘Agorà’ di aver perso la zia per il coronavirus.  

Pasotti, che vive a Roma ma è nato a Bergamo e lì ha ancora molti dei suoi famigliari e amici, ha aggiunto: “Non è stata colpa di nessuno. questa è una tragedia di proporzioni enormi. E credo che abbia colto tutti un po’ impreparati. Sono avvenute cose brutte che voglio pensare siano state figlie di nessun errore, semplicemente di una catastrofe che è quella che ha investito Bergamo e la sua comunità. Conosco tante persone, io ho mamma e papà ancora a Bergamo e tantissimi amici, e più o meno tutti hanno perso qualcuno di caro. È stato un momento brutto che io purtroppo o per fortuna ho vissuto da lontano, a Roma, dove vivo. Mi ha molto toccato come questa comunità bergamasca sia riuscita a rimboccarsi le maniche e reagire per combattere questo virus maledetto”, ha concluso.