Online - Connessioni pericolose: 8 casi di cybercrime che hanno segnato l'Italia

| Foto
Da martedì 20 giugno alle 22:00 su Crime+Investigation arriva Online - Connessioni pericolose: 8 casi di cybercrime che hanno segnato l'Italia raccontati dalla giornalista Elena Stramentinoli in collaborazione con la Polizia di Stato.
di ufficio stampa - 19 Giugno 2017
Online - Connessioni pericolose: 8 casi di cybercrime che hanno segnato l'Italia

Online - Connessioni pericolose: 8 casi di cybercrime che hanno segnato l'Italia

Da martedi 20 giugno alle 22:00 su Crime+Investigation (in esclusiva su Sky al canale 118) arriva Online - Connessioni pericolose: un doppio appunatmento a settimana per racontare 8 episodi di cybercrime che hanno segnato l'Italia, da Carolina Picchio a Andrea Spezzacatena.

Una nuova produzione originale di A+E Networks Italy realizzata in collaborazione con la Polizia di Stato e condotta dalla giornalista Elena Stramentinoli (Presa Diretta) per raccontare i cosiddetti 'delitti del nuovo millennio'. L'obiettivo di Online - Connessioni pericolose, è quello di mostrare e far conoscere le diverse tipologie di cybercrime che colpisce almeno 400 milioni di persone nel mondo: dallo stalking alla pedopornografia, dal cyberbullismo alla sex extortion e alle truffe online. 

Ad aprire la prima puntat di Online - Connessioni pericolose, sarà la storia di Carolina Picchio, studentessa quattordicenne che nel 2013 si suicidò in seguito alla diffusione in rete di un video a sfondo sessuale che la vedeva protagonista. La tragedia di Carolina ha determinato un importante cambiamento a livello legislativo: lo scorso 18 maggio 2017 la Camera ha approvato all'unanimità la legge che definisce il fenomeno di cyberbullismo: d'ora in avanti un minore di almeno 14 anni potrà chiedere senza l'intervento di un adulto, di oscurare, rimuovere o bloccare i contenuti diffusi in rete al gestore del sito web o ai social network. Inoltre, se il contenuto non verrà cancellato entro 48 ore, si potrà ricorrere al garante della privacy.

 

La legge che definisce il bullismo telematico come “ogni forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, manipolazione, acquisizione o trattamento illecito di dati personali realizzata per via telematica in danno di minori. Nonché la diffusione di contenuti online (anche relativi a un familiare) al preciso scopo di isolare il minore mediante un serio abuso, un attacco dannoso o la messa in ridicolo”. Nel testo di legge si sottolinea anche l’importanza di promuovere un ruolo attivo degli studenti e la formazione del personale scolastico: in ogni istituto tra i professori sarà infatti individuato un referente per le iniziative contro il cyberbullismo.

Verranno raccontate la storia di Andrea Spezzacatena, ragazzo di 15 anni bullizzato per aver indossato pantaloni rosa, che si è tolto la vita non riuscendo più a sopportare la prepotenza dei compagni; o quella di Natalia, 16 anni, che dopo aver acettato l'amicizia di uno sconosciuto su Facebook è finita vittima dalla sex extortion.

Dando la parola alle vittime, ai persecutori e alla Polizia di Stato, Online – Connessioni pericolose indagherà quei reati che, sfruttando le nuove tecnologie informatiche legate ad internet, rischiano di trasformarsi in pericolose e quotidiane minacce. Una nuova emergenza sociale che colpisce le nostre abitudini, che riguarda da vicino i più giovani e che costringe le forze dell'ordine ad aggiornarsi continuamente per stare al passo con le nuove armi a disposizione di hacker e criminali di ogni tipo.

Appuntamento con Online - Connessioni pericolose da martedì 20 giugno 2017 su Crime+Investigation. 

foto ufficio stampa
 
I film in tv oggi
di Brad Bird
su Italia 1, alle 21:15
su Italia 1, alle 21:20
di Stephen Daldry
su Iris, alle 21:00
di Neri Parenti
su Italia 2, alle 21:10