Ragni velenosi nelle banane, allarme in Europa

| Video - Foto
Dopo la disavventura di una donna londinese, cresce la fobia
di Francesca Di Belardino - 06 Novembre 2013
Per chi soffre di aracnofobia è un vero incubo: ma anche per chi non ha problemi specifici con i ragni, pensare di portarsene a casa una colonia in un casco di banane acquistato al supermercato non è il massimo. Soprattutto quando si scopre che quei ragni in particolare appartenevano ad una velenosissima razza brasiliana.

E' accaduto in Inghilterra: una donna ha acquistato un casco di banane ad Hampton, città del sudovest londinese. Dopo averle portate a casa si è resa conto che contenevano una colonia di questi piccoli ragni erranti, a quanto sembra appartenenti alla razza Brasilian Wandering, una delle più velenose al mondo.
Questi ragni sono soliti trovare alloggio nella frutta, specialmente fra le banane e il loro morso può portare a paralisi e asfissia.

La donna e la sua famiglia sono stati evacuati da casa loro, che è stata dinsinfestata: il supermercato che aveva venduto il casco di banane ha sostenuto le spese dell'albergo e della disinfestazione. 

L'allarme per i ragni nelle banane è scattato in tutta Europa: uno dei segni distintivi di questa colonizzazione è una sorta di muffa biancastra sulla superficie dei frutti. Occhi aperti quindi!

 
VIP BOX
  • Nancy Brilli

    Amore al capolinea per Nancy Brilli e Roy De Vita: ecco perchè si sono lasciati dopo 15 anni di fidanzamento  continua

  • Tiromancino

    Tiromancino live a Villa Ada  continua

  • Lacuna Coil

    'Delirium', il nuovo inizio dei Lacuna Coil tra le 'stanze' reali e immaginate dei manicomi  continua

  • Beppe Grillo

    Maratona Mentana boicottaggio, la proposta contro il programma tv di Enrico Mentana: ecco come è andata a finire   continua

  • Alberto Angela

    Piero Angela, la dura confessione sul figlio Alberto: 'Se fosse stato per me...'  continua

  • J-Ax

    Fedez a Chi ha incastrato Peter Pan parla della gravidanza di Chiara Ferragni: cosa ha svelato  continua